In caso di inagibilità di un fabbricato per accertato fisico (ad esempio fabbricato diroccato, pericolante o fatiscente) o per obsolescenza funzionale, strutturale o tecnologica non superabile con interventi di , è possibile inoltrare, entro il 30 giorni dal verificarsi delle variazioni, all’Ufficio del Territorio competente una denuncia per la richiesta di attribuzione di una nuova .
fabbr-non-dichiarati-small
Come e quando effettuare la denuncia
Come accennato, in alcuni casi è possibile farsi attribuire una nuova rendita catastale che tenga conto di particolari situazioni in cui l’immobile viene a trovarsi e che, di fatto, ne impediscono un adeguato utilizzo.In particolare è possibile presentare una apposita denuncia per accertare l’inagibilità dell’immobile:

* per degrado fisico (diroccati, pericolanti o fatiscenti);
* per obsolescenza funzionale, strutturale o tecnologica non superabile con interventi di manutenzione.

Ciò, infatti, permette al contribuente di farsi attribuire una nuova rendita catastale che tenga conto di tale stato dell’immobile.

In attesa di attribuzione di rendita, è possibile dichiarare una .

Come anticipato, la denuncia va inoltrata entro 30 giorni dal verificarsi delle variazioni, con validità per l’anno in corso e per quelli successivi.

Si ricorda che se il contribuente non ha posto in essere la suddetta procedura, deve dichiarare il reddito del fabbricato secondo i criteri ordinari.
Dal punto di vista operativo, la denuncia va redatta utilizzando la procedura “DOCFA” (Documenti Catasto Fabbricati) disponibile sul sito Internet dell’Agenzia del territorio.

DOCFA è un prodotto informatico di ausilio ai tecnici professionisti quali geometri, architetti, ingegneri, ecc., per la compilazione e presentazione agli uffici tecnici erariali del modello di “Accertamento della Proprietà Immobiliare Urbana”.

Con tale modello si possono presentare al Catasto:

* dichiarazioni di fabbricato urbano o nuova costruzione (accatastamento);
* denunce di variazione;
* denunce di unità afferenti ad enti urbani.

Fonte:Agenziadelterritorio