In quali Regioni è obbligatoria la Certificazione Energetica? Cosa è la Certificazione Energetica?  Chi è il e come diventarlo?

Regioni con Certificazione energetica obbligatoria
Provincia autonoma di Bolzano E’ stata la prima Provincia a dotarsi di strumenti normativi e pianificatori totalmente innovativi con lo standard CasaClima, obbligatorio dal 2002. Esso assegna agli edifici una classe in base al consumo di energia, premiando le migliori prestazioni con sconti sugli oneri di urbanizzazione.
La Provincia di Bolzano ha reso la certificazione obbligatoria per tutte le nuove abitazioni, l’ha estesa alle riqualificazioni e ha innalzato il requisito minimo dalla classe C (meno di 70 kWh/mq anno) alla B (meno di 50) per ottenere l’abitabilità in un nuovo edificio.

edicom2_eventi_it_288246_foto_popup
Regione Lombardia  La regione Lombardia ha completato l’iter normativo ed è operativa a tutti gli effetti. E’ la prima Regione che ha reso obbligatoria la certificazione energetica su tutto il proprio territorio. E’ necessario l’attestato di certificazione energetica (metodo di calcolo CENED)per accedere agli incentivi e per la compravendita , secondo questi tempi:
– da settembre 2007 per i nuovi edifici,
– da settembre 2008, in caso di vendita dell’intero immobile,
– dal 1° luglio 2009, in caso di vendita di singole unità.
Sono inoltre anticipati al 1° gennaio 2008 i requisiti minimi di prestazione energetica che a livello nazionale entreranno in vigore a gennaio 2010.
Il rispetto dei requisiti di prestazione energetica degli edifici si applica nel caso di: nuova costruzione; demolizione e ricostruzione in manutenzione straordinaria o in ristrutturazione; ristrutturazione edilizia; ampliamenti volumetrici superiori al 20% dell’esistente. L’attestato di certificazione energetica è rilasciato da professionisti abilitati iscritti all’elenco regionale.

Atti:
• Determinazione dirigenziale 3 marzo 2009, n. 2055 “Approvazione modalità per l’avvio del controllo sperimentale sulle certificazioni energetiche degli edifici, rilasciate ai sensi della Dgr 5018/2007 e successive modifiche ed integrazioni” (Burl 16 marzo 2009 n. 11)
• Deliberazione Giunta regionale 22 dicembre 2008, n. 8/8745 “Determinazioni in merito alle disposizioni per l’efficienza energetica in edilizia e per la certificazione energetica degli edifici” (Ss 15 gennaio 2009 n. 2 al Burl 12 gennaio 2009 n. 2)
• Deliberazione Giunta regionale 26 giugno 2007, n. 8/5018 “Determinazioni inerenti la certificazione energetica degli edifici, in attuazione del Dlgs 192/2005 e degli articoli 9 e 25 della Lr 24/2006. Allegato: Disposizioni inerenti all’efficienza energetica in edilizia” (Ss n. 3 al Bur 16 luglio 2007 n. 29)

Emilia Romagna  Dal 1 luglio 2008 sono entrate in vigore le disposizioni contenute nell’Atto di Indirizzo e Coordinamento della Regione, che fissa i requisiti minimi di rendimento energetico degli edifici con un sostanziale allineamento a quelli nazionali, ma premendo l’acceleratore su alcuni punti, come l’anticipazione al 2008 dei requisiti fissati dallo Stato per il 2010, il miglioramento dei requisiti per il contenimento dei consumi estivi e una maggiore valorizzazione delle fonti rinnovabili.
L’Attestato di certificazione energetica è obbligatorio nel caso di edifici di nuova costruzione, di demolizione totale e ricostruzione di quelli esistenti, e per le ristrutturazioni integrali sopra i 1000 mq. Inoltre, dal 1° luglio 2008, l’obbligo è stato esteso agli edifici oggetto di compravendita, nel caso riguardi l’intero immobile.
Dal 1 luglio 2009 l’obbligo è esteso alle singole unità immobiliari e dal 1° luglio 2010 alle nuove locazioni. Su impulso della Regione Emilia-Romagna è nato il progetto ECOABITA, a cui partecipano una trentina di comuni, oltre a quello di Reggio Emilia. L’adesione alla rete Ecoabita comporta, anche attraverso il regolamento edilizio comunale, l’introduzione di una procedura di certificazione connessa ad un meccanismo di incentivi.  La certificazione ECOABITA è volontaria e prevede requisiti più restrittivi degli attuali limiti di legge, costituendo dunque un vero e proprio marchio di qualità: un edificio nuovo certificato ECOABITA consuma per la climatizzazione invernale e la produzione di acqua calda sanitaria, almeno il 25% in meno del valore limite previsto dalla Regione, e circa il 60% in meno rispetto all’edilizia tradizionale.

Atti:
• Deliberazione della Giunta regionale 7 luglio 2008, n. 1050 “Sistema di accreditamento dei soggetti preposti alla certificazione energetica degli edifici” (Bur 21 luglio 2008 n. 124)
• Deliberazione Assemblea legislativa 4 marzo 2008, n. 156 “Approvazione atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici” (Bur 25 marzo 2008 n. 47)

Regione Liguria La certificazione è obbligatoria. Sono state approvate a inizio 2009 nuove norme sul contenimento dei consumi di energia degli edifici, che riportano le prestazioni minime, la metodologia di calcolo, i criteri e le modalità per il rilascio dell’Attestato di certificazione energetica e le modalità di attuazione delle verifiche sulla conformità delle opere.
L’obbligo di allegare l’Attestato di certificazione energetica all’atto di compravendita a pena di nullità della vendita è stato eliminato, ma rimane una sanzione monetaria per chi non lo consegni.

Atti:
• Legge regionale 29 maggio 2007, n. 22 “Norme in materia di energia. Articoli 26-31” (Bur 6 giugno 2007 n. 11, Parte prima)

Regione Piemonte Il Piemonte ha introdotto la certificazione energetica per gli edifici di nuova costruzione o ristrutturati in tutti i casi di compravendita o locazione, che entrerà in vigore a settembre 2009.
L’obbligo di allegare l’attestato di certificazione energetica all’atto di vendita è in atto dal 1° luglio 2009.

Atti:
• Legge regionale 28 maggio 2007, n. 13 “Disposizioni in materia di rendimento energetico nell’edilizia” (Bur 31 maggio 2007 n. 22)

Regione Valle d’Aosta La Val d’Aosta ha legiferato in merito  alle metodologie per la determinazione delle prestazioni energetiche degli edifici, i requisiti minimi di prestazione energetica per gli edifici nuovi e ristrutturati, i requisiti professionali e i criteri di accreditamento dei certificatori. E’ istituito un catasto energetico degli edifici.

L’Attestato di certificazione energetica è obbligatorio per gli edifici nuovi o sottoposti a ristrutturazione e nel caso di nuova installazione o ristrutturazione di impianti.

Atti:

• Legge regionale 18 aprile 2008, n. 21   “Disposizioni in materia di rendimento energetico nell’edilizia” (Bur 8 luglio 2008 n. 28).

Regioni con

Regione Friuli Venezia Giulia

Provincia autonoma di Trento

Regione Lazio

Regione Toscana

Regione Puglia

Regione Umbria  (certificazione ambientale  obbligatoria per gli interventi pubblici e volontaria per i privati)

Regioni prive di proprie leggi

Regione Abruzzo

Regione Calabria

Regione Molise

Regione Sardegna

Regione Sicilia

Regione Veneto

Fonte: donnegeometra