Una banca dati utile alle amministrazioni per la rilevazione dei bisogni, elaborazione delle politiche settoriali e monitoraggio della loro difesa
È stato approvato all’unanimità il regolamento che disciplinerà l’Osservatorio regionale e lavori pubblici (O.R.E.L.P.), organismo che avrà sede presso il dipartimento regionale alle Infrastrutture, Opere pubbliche e Mobilità.Durante l’incontro di questa mattina in assessorato, il tavolo permanente a cui erano presenti l’assessore regionale alle Infrastrutture, Agatino Mancusi, il direttore del Dipartimento, Mario Cerverizzo, i sindacati, gli ordini professionali, le associazioni di categoria, Confindustria ha approvato lo schema che regolamenterà l’Osservatorio, “strumento – ha specificato Mancusi – di indirizzo, vigilanza e controllo che ci consentirà di monitorare i lavori delle opere in corso e quelle in cantierizzazione, con il pieno coinvolgimento delle parti sociali.

Inoltre, l’Osservatorio contrasterà il ricorso al lavoro nero che a volte può essere innescato anche attraverso il meccanismo del massimo ribasso nell’affidamento degli appalti, oltre a concorrere alla più generale opera di prevenzione e contrasto del fenomeno da possibili infiltrazioni della criminalità organizzata”.

L’organismo, come si legge nel regolamento ha due obiettivi: una funzione più mirata di supporto ai decisori delle politiche ed allo svolgimento del confronto con le parti sociali, mediante la costante rilevazione ed interpretazione di alcuni andamenti settoriali; e il compito di studiare possibili modifiche del modello organizzativo dipartimentale, delle sue funzioni, del sistema di relazioni esterne.

Un sistema a supporto alle decisioni istituzionali in quanto propone una banca dati utile alle amministrazioni per la rilevazione dei bisogni, elaborazione delle politiche settoriali e monitoraggio della loro difesa.Uno tra gli argomenti maggiormente discussi è stata l’istituzione della stazione unica appaltante.

Illustrate anche lo stato di attuazione dell’Opcm, l’ordinanza del sugli eventi alluvionali del marzo scorso e quello relativo all’accordo di programma per la mitigazione del con il ministero dell’Ambiente Nel prossimo incontro sarà insediato l’ORELP in base alle designazioni che perverranno. che sarà così costituito: dall’assessore regionale alle Infrastrutture, il dirigente generale del dipartimento, dai presidenti o assessori al ramo delle due province, dall’Anci, Ance, rappresentanti Pmi e di ciascun ordine professionale (ingegneri, architetti, geometri, geologi) e di ciascuna delle organizzazioni sindacali confederali di categoria.

Fonte: ediliziaurbanistica.it