classifiche_prep_10Arriva il X Rapporto Prepagate 2013 di Of-Osservatorio finanziario. E per la prima volta si divide in due. Premiate, infatti, la miglior ricaricabile standard (Of-MigliorPrepagata) e la miglior carta prepagata con Iban (Of-MigliorCartaConto). Un 2012 aldilà delle attese, con un numero di ricaricabili che supera quello delle carte di credito e un boom delle transazioni effettuate. E per il futuro? Sono attese community, sconti, offerte, e-commerce, e prestiti. Ecco il punto sulla situazione attuale. E le aspettative per il prossimo anno Qual è la pregata migliore per il 2013? Non ce n’è una sola. Per la prima volta in 10 anni, infatti, il Rapporto Prepagate di Of-Osservatorio finanziario, giunto appunto alla sua X edizione, si sdoppia e assegna due premi: Of-MigliorPrepagata (leggi qui) e Of-MigliorCartaConto (leggi qui). Il motivo? Sul mercato ci sono due tipi di carte ricaricabili. Le une molto diverse dalle altre.

Le prime, quelle standard, hanno plafond limitati, entro i 5.000 euro di solito, e possono essere utilizzate per disporre pagamenti, nei negozi e su Internet, e prelevare denaro contante in e all’estero presso tutti gli sportelli automatici aderenti allo stesso circuito di pagamento. Le seconde, le carte-conto, invece, sono più simili a conti correnti in versione basic, cioè leggera. Hanno un codice Iban per ricevere accrediti diretti di stipendi e pensioni, addebitare in automatico bollette e utenze, e disporre bonifici e pagamenti. Il limite massimo di ricarica è molto ampio, e arriva anche alla soglia dei 50.000 euro. Mentre possono anche essere utilizzate su Internet come normali carte di credito. E senza la spesa per i bolli, fissa per legge a 34,20 euro, applicata a tutti i conti correnti.
In comune hanno solo i servizi accessori, extra bancari. A volte sconti e promozioni per l’acquisto di prodotti o vacanze nei punti vendita convenzionati. Altre volte, vere community con eventi, concorsi e premi in palio per chi la carta la utilizza di più.

Le community

E sono proprio i servizi, uniti alla trasparenza delle fornite sui portali web, la vera discriminante tra le 40 carte totali analizzate nel Rapporto. Perché poco o nulla cambia dal punto di vista delle condizioni economiche applicate di anno in anno dagli istituti di credito già sul mercato. La concorrenza, quella vera, infatti, si gioca tutta a suon di offerte, concorsi fedeltà, buoni sconto e programmi di raccolta punti.

Ecco perché alcuni istituti di credito che già un anno fa avevano iniziato a sperimentare le community associate alle carte di pagamento, nel corso dell’ultimo anno hanno avviato sperimentazioni aggiuntive. Come Postepay, per esempio, che oltre al solito programma di sconti (Sconti BancoPosta) che ogni anno si rinnova, a fine 2011 ha lanciato un portale dedicato all’entertainment, PostePay Fun: una piattaforma dove è possibile acquistare biglietti per il cinema, ma anche dvd, videogames e scaricare musica a prezzi scontatissimi. Mentre di volta in volta sono attivati diversi concorsi. Come quello che consente a tutti i titolari di carte di pagamento BancoPosta di vincere un iPad da 64 GB o un iPhone 5 da 16 GB fino al 15 gennaio 2013.