ExpoediliziaRoma, febbraio 2013 – Recupero edilizio artistico e urbano, sostenibilità degli edifici in chiave mediterranea, risparmio ed efficienza energetica, ma anche tecniche del costruire, scenari del comparto, formazione degli operatori e sicurezza nei cantieri: questi i temi che – tra esposizione, sessioni di formazione e iniziative speciale – animeranno la sesta edizione di Expoedilizia, per l’edilizia e l’architettura (Fiera di Roma, 21-24 marzo 2013)Il costruire sostenibile sarà al centro di iniziative speciale e convegni, grazie alla collaborazione di associazioni come Green Building Council Italia che curerà la Piazza della Sostenibilità, che vuole essere un focus sull’, nel quale gli esponenti del network internazionale di GBC racconteranno quanto accade in altri Paesi del mondo. GBC Italia affronterà anche il tema del rapporto tra ambiente naturale e ambiente costruito declinato in “chiave mediterranea”, e quello del restauro di edifici storici in un’ottica di efficientamento.
A GBC verrà affidato inoltre il convegno d’apertura della manifestazione: giovedì 21 marzo 2013, esponenti del mondo istituzionale (Commissione Europea, Ministero dell’Ambiente, Regione Lazio e Comune di Roma) con importanti enti come Nomisma e la Banca Europea per gli Investimenti, interverranno sul tema “Italia, Europa: la riqualificazione edilizia e urbana per il rilancio della filiera”, per discutere di come il rilancio della competitività del comparto possa arrivare proprio dalle direttive europee che impongono il raggiungimento degli obiettivi del 20-20-20.

La sessione convegnistica a cura del Green Building Council darà la possibilità di approfondire ulteriormente queste tematiche, con incontri workshop e tavole rotonde in cui si parlerà di certificazione LEED, del ruolo della bioedilizia, del rilancio della professione e del futuro dell’edilizia italiana. Tra gli appuntamenti in programma Italia, Europa: strumenti, esempi e buone pratiche di secondo i protocolli LEED e GBC, in cui spicca l’esempio portato da Italcementi, azienda espositrice che presenterà prodotti innovativi nell’ambito della bioedilizia. L’azienda presenterà la case di i.lab,  il Centro Ricerca e Innovazione di Italcementi, progettato dall’architetto americano Richard Meier, che vuole essere un punto di riferimento per l’architettura sostenibile in Europa e che ha ottenuto la certificazione LEED Platinum.

Green City Italia, associazione appartenente al network internazionale delle Green City, svilupperà il “Distretto della Green Landscape Economy”, un’area dinamica in cui tra presentazioni, incontri, dibattiti, workshop e mostre, si promuoveranno soluzioni innovative volte alla ripresa economica delle aree urbane e fondate sull’interazione tra cultura ambientale e tecnologia.

Per dare un’esemplificazione pratica del ‘costruire sostenibile’, Expoedilizia ospiterà Biosphera, il prototipo itinerante di casa passiva progettato e realizzato da ZEPHIR, Zero Energy and Passivhaus Institute for Research, per accrescere la consapevolezza e la cultura in tema di efficienza energetica, sostenibilità e comfort abitativo; mentre all’interno dell’area legno, gli esperti del settore coordineranno un ciclo di incontri per sensibilizzare i professionisti dell’edilizia sulle potenzialità dell’impiego del legno e dei suoi derivati.

A.R.I. – Associazione Restauratori d’Italia con il patrocinio di Finco organizzerà un convegno sull’importanza degli investimenti nel recupero del patrimonio artistico, visto come e vero proprio volano per il comparto e per la società civile, dal tiolo Beni Culturali e sviluppo: risorse, interventi e territorio. L’eccellenza degli interventi, la riscoperta dei materiali tradizionali coniugata con le attrezzature di avanguardia, le dimore storiche, i progetti locali e i piani di valorizzazione culturale saranno il tema centrale del Convegno.

Novità dell’edizione 2013 di Expoedilizia, Condominium – un nuovo salone dedicato ai prodotti e servizi per gli amministratori di – che ospiterà numerose occasioni di aggiornamento sui temi della recente riforma che di fatto ne modifica in maniera profonda la figura, imponendo maggiori competenze e professionalità. Curato dalle più importanti associazioni di categoria, tra cui ANACI, ANAMMI, UNAI, ANAPI, il salone si avvale della collaborazione di Consorzio Convalido.

Si ripete invece, dopo l’ampia adesione dello scorso anno, l’appuntamento con la sicurezza in cantiere tra momenti teorico-formativi e pratici per l’aggiornamento di ingegneri, architetti e geometri, che riguardano soprattutto la prevenzione dalle cadute dall’alto. Tra le iniziative in programma il secondo Congresso Geosicur, l’Associazione Geometri per la sicurezza, in cui si parlerà di sicurezza nei luoghi di lavoro, tra normativa, applicazione e verifiche.

Ampio spazio per le tecniche del costruire all’interno del programma di convegni in cui si parlerà di consolidamento dei terreni, smaltimento dei materiali da cantiere, prevenzione del rischio sismico, anche attraverso l’uso dell’acciaio. In questa direzione si inserisce Simulazione del sisma, a cura di Fondazione Eucentre (Centro Europeo per la Formazione e la Ricerca in Ingegneria Sismica, che attraverso dimostrazioni pratiche spiegheranno gli effetti indotti nelle strutture da una vibrazione applicata alla base delle strutture stesse e si avrà modo di valutare la risposta strutturale a diverse sollecitazioni.
Spazio anche momenti formativi sull’uso della fotografia nell’architettura: La fotografia fa parte degli strumenti indispensabile per l’attuale professione dell’architetto prima, durante e dopo la fase progettuale; per questo PhotoARCHITETTI, organizzerà incontri focalizzati sui temi del restauro, della ristrutturazione e del colore nel patrimonio architettonico.

In Expoedilizia i professionisti troveranno numerosi momenti dedicati alla loro creatività e alla loro formazione. Si parte dall’iniziativa ‘HOME STAGING – Come favorire la vendita o l’affitto degli immobili’, che spiegherà ad architetti e agenti immobiliari come creare business con investimenti minimi e affronterà gli aspetti teorici e pratici di una professione assolutamente nuova e poco conosciuta in Italia.
Dalla collaborazione fra Istituto Italiano design ed Expoedilizia nasce un nuovo progetto per il design di riciclo, “Impressioni Superficiali”: quando lo scarto diventa materia”. A partire dai campioni di scarti e semilavorati inviati dalle aziende che hanno aderito al progetto, gli studenti hanno cercato di avere uno sguardo creativo, dando loro nuova vita sia attraverso prodotti che rimangono all’interno della categoria merceologica sia individuando nuove identità dei materiali e nuove opportunità di mercato.

Programma completo delle iniziative su www.expo-edilizia.it. Sul sito è attivo l’accredito online che consente di ricevere nella  propria casella di posta un ingresso ridotto a 5,00 euro anziché 15,00 €

Fonte: Federica Scalvini