Il è lo strumento introdotto per la lotta all’evasione fiscale, che permette di ricostruire un reddito presunto sulla base delle spese sostenute dal contribuente. A seguito di un accertamento di una palese incongruenza, cioè quando vi è uno scostamento superiore al 20% tra reddito dichiarato e reddito presunto, scattano i controlli fiscali.

Il redditometro permette di ricostruire il reddito presunto usando i valori medi risultanti da alcune spese.

Livelli minimi di reddito per non avere problemi

REDDITOMETRO

I dati del fisco considerati rilevanti al fine di ricostruire il reddito, sono rappresentate da diverse tipologie di spesa, investimenti e risparmi, circa 100 voci suddivise nelle seguenti categorie:

  • alimentari ed abbigliamento;
  • mobili ed elettrodomestici;
  • trasporti e combustibili;
  • comunicazioni telefoniche ed energia;
  • istruzione, tempo libero, cultura e giochi;
  • casa;
  • sanità;
  • investimenti in conto corrente, titoli, carte di credito.

Nel caso in cui viene accertato in palese incongruenza, l’Ufficio delle Entrate inviterà il contribuente a fornire adeguate spiegazioni: fase contraddittoria. In questa fase (solo questa), il contribuente potrà regolarizzare la sua posizione, fornendo le adeguate spiegazioni:

  • è stato effettuato da terzi esibendo a conferma bonifici, assegni o altro documento idoneo;
  • è frutto di una donazione;
  • è scaturito in seguito a contrazione di un apposito mutuo;
  • è stato possibile grazie a risparmi di più anni fornendo come prova gli estratti conto dai quali rilevano gli avanzi monetari.

E’ quindi opportuno, in ogni caso, eseguire pagamenti tracciabile ed identificabili, che permetteranno anche a distanza di tempo, di ricostruire la situazione finanziaria; meglio utilizzare conti correnti separati per l’attività professionale e personale.

Nel caso in cui il contribuente non riesca a chiarire la posizione e a dare le giuste motivazioni, partirà l’ vero e proprio e il contribuente dovrà versare una sanzione del 30% oltre al somma evasa accertata.

Relativamente ad una serie di spese è rilevante il valore medio ISTAT: occorre effettuare un confronto tra quanto effettivamente sostenuto e quanto risulta dalle indagini statistiche. Il problema è capire quando l’ può applicare i valori ISTAT; è comprensibile che il contribuente non è tenuto a sostenere tutte le tipologie di spese previste ma ne sosterrà solo alcune o le sosterrà in misura inferiore. In tali casi, il contribuente può dimostrare:

  • non sussistenza della spesa, ovvero il contribuente non ha sostenuto quella spesa prevista dal decreto: il contribuente spunterà nel questionario inviatogli dal Fisco le tipologie di spesa sostenute;
  • minore esborso di quello medio presunto dall’ISTAT: è preferibile che tutti i pagamenti effettuati siano tracciati attraverso l’utilizzo del bancomat e delle carte di credito. Poca utilità avrebbe la raccolta degli scontrini, ricevute e fatture che non certificano, di fatto, un’uscita più bassa.