Rinvio confermato dal Consiglio dei Ministri Letta.
La tassa sull’abitazione messa in atto dal governo Monti lo scorso anno, tassa molto discussa sulla quale molte famiglie sono in difficoltà per pagarla, è stato confermato ieri, da parte del Consiglio dei ministri del nuovo governo Letta, il rinvio: la prima rata Imu sulla viene sospesa fino al 16 settembre con l’esclusione degli immobili di pregio. Il testo prevede anche la sospensione della rata di giugno per i terreni agricoli e i fabbricati rurali.

Il legge Imu prevede anche una clausola in cui è previsto che il Governo si impegnerà a fare la riforma dell’imposta entro il 31 agosto o si pagherà l’Imu sulla prima casa entro il 16 settembre.

Il Presidente del Consiglio Letta si è detto sicuro che l’Unione Europea prederà atto degli sforzi messi in atto dal per far sì che nel nostro Paese possa esserci un margine di ripresa economica e, con il passare dei mesi spera che possa calare la pressione fiscale in modo tale da poter rilanciare l’economia e il lavoro.

Il segretario del Pdl, Angelino Alfano, si è detto molto soddisfatto di questo primo risultato del Governo. Per Berlusconi si tratta di un successo firmato Pdl e in un messaggio pubblicato su Facebook, ha lanciato un ultimatum al Pd, dicendo che dovranno fare i conti con il Pdl alle prossime elezioni.