, 2014: aliquote pagamento , detrazioni seconda rata, saldo prima , seconda , affitto inquilini

Tasi e Imu 2014 hanno la stessa scadenza per tutti i contribuenti: entro oggi occorre pagare i rispettivi saldi per mettersi al riparo da sanzioni.

Tasi e dell’Imu oggi e ultimo giorno per pagare la seconda e ultima rata 2014.

Entro oggi in tutti i comuni italiani, fra cui Milano, Roma, Firenze, Genova, Torino, Roma, Napoli, Palermo, Bari, occorrerà versare quanto richiesto per non incorrere in sanzioni calcolate sulla base del ritardo. Per chi è ancora alle prese con i calcoli per via di variazioni di aliquota da parte della propria amministrazione comunale, consigliamo di utilizzare in nostro simulatore online. L’importo può essere versato tramite modello F24 da presentare in banca o alle poste. Ma se l’importo è maggiore di 1.000 euro occorre procedere per via telematica.

I codici tributo per l’Imu sono 3912 per abitazione principale e pertinenze (solo categorie catastali A1, A8 e A9), 3914 per terreni, 3916 per aree fabbricabili, 3918 per altri fabbricati, 3925 per immobili a uso produttivo, gruppo catastale D, allo Stato, 3930 per immobili a uso produttivo, gruppo catastale D, al Comune. Quelli della Tasi sono 3958 su abitazione principale e pertinenze, 3959 su fabbricati rurali strumentali, 3960 su aree fabbricabili, 3961 su altri fabbricati.

La Tasi è la tassa sui servizi indivisibili da versare per il possesso o la detenzione a qualunque titolo di fabbricati, compresa l’abitazione principale, di aree scoperte e aree edificabili, a qualsiasi uso adibiti. Sono esentati solo i terreni agricoli. La base imponibile è la stessa dell’Imu, a cui va applicata un’aliquota che per l’abitazione principale non può superare il 3,3 per mille, e per le seconde case, sommata all’aliquota Imu, l’11,4 per mille.

Sono colpiti anche gli inquilini diversi dal proprietario dell’immobile per una percentuale variabile tra il 10 e il 30%.