Bce

BCE: taglia tassi di mezzo punto al 2% al minimo storico

La Bce ha tagliato il costo del denaro di mezzo punto percentuale portando il tasso principale di Eurolandia dal 2,50% al 2%, al minimo storico segnato il 5 giugno del 2003. Lo ha deciso oggi il Consiglio direttivo dell’istituto centrale a Francoforte. La decisione era ampiamente attesa dal mercato.

bce_logo1

TRICHET: FORTE RALLENTAMENTO UE, DURERA’ A LUNGO
Gli ultimi dati disponibili relativi ai mesi di novembre e dicembre indicano un ”ulteriore peggioramento” dell’economia di Eurolandia. Lo ha detto il presidente della Banca Centrale Europea Jean-Claude Trichet.

Bce: analisti, recessione peggiora, taglio inevitabile giovedi’

La Bce tagliera’ nuovamente il tasso di riferimento dell’Eurozona, ora al 2,5%, nella riunione del Consiglio direttivo in programma giovedi’ prossimo, 15 gennaio, a Francoforte, e ulteriori riduzioni sono attese nei trimestri successivi.

E’ quanto prevedono gli analisti delle principali banche europee, sottolineando che si tratterebbe, fatto mai registrato finora nella storia della Bce, del quarto taglio consecutivo, dopo quelli decisi tra ottobre e dicembre dello scorso anno che hanno portato il tasso base dal 4,25% di ottobre all’attuale 2,5%.

Euribor: ancora in calo i tassi, il 3 mesi scende al 3,428%

Ancora in deciso calo i tassi Euribor che sono scesi sensibilmente nell’arco degli ultimi tre giorni dopo il nuovo taglio al costo del denaro apportato la scorsa settimana dalla Bce (dal 3,25% al 2,50%).

Il contratto a tre mesi, punto di riferimento per buona parte dei mutui variabili, viene fissato oggi al 3,428% dal 3,488% di ieri. Scendono anche il contratto a un mese (al 3,104% dal 3,157%) e quello a sei mesi (al 3,514% dal 3,563%).
– Radiocor – Milano, 09 dicembre –

La Bce riduce i tassi al 2,5 per cento

Appropriata». La decisione della Bce di tagliare di 75 basis point i tassi di rifinanziamento è, per il governatore dell’Eurotower, adeguata al monento della crisi. Una situazione che, secondo Jean Claude Trichet, nel 2009 vedrà «una contrazione dello 0,5% del Pil» di Eurolandia.

Le reazioni. La manovra a tenaglia per ridurre il costo del denaro, nella speranza di dare una mano a Borse e economie “asfittiche”, c’è stata. E ha trovato diversi consensi. La decisione della Bce «è benvenuta», commentano dal Fondo monetario internazionale. «Le mosse sui tassi di interesse questa mattina sono state straordinarie in Eurolandia, Inghilterra e Svezia: le economie sviluppate hanno di fronte a loro un forte rallentamento».

Draghi propone la sostituzione dell’euribor con il tasso bce

Per Mario Draghi, governatore della banca d’Italia basterebbe abbandonare l’euribor come tasso di riferimento per i mutui e adottare direttamente il tasso della banca centrale europea (bce) per alleggerire la rata di tanti risparmiatori.

In precedenza era stato Lorenzo Bini-Smanghi della bce a ritenere non “giusto far pagare il prezzo della sfiducia fra le banche ai cittadini”.

Tassi: Banche Centrali tagliano di mezzo punto

Le banche centrali hanno deciso di tagliare i tassi di mezzo punto. Un taglio deciso congiuntamente a livello mondiale: la Fed ha portato i tassi all’1,5%, la Bce al 3,75%. All’operazione congiunta del taglio dei tassi hanno partecipato la Federal Reserve, la Bce, la Banca d’Inghilterra, la Banca del Canada, e le Banche centrali di Svezia e Svizzera. Anche la banca centrale cinese ha tagliato il costo del denaro, in una misura pari a -0,27%.

soldi

MOSSA SENZA PRECEDENTI
La mossa attuata oggi da sei fra le maggiori banche centrali per il taglio di mezzo punto percentuale dei tassi di riferimento non ha precedenti. Dopo l’ attacco alle Torri di Manhattan dell’ 11 settembre 2001 infatti la Fed e la Bce tagliarono il costo del denaro a distanza di pochi giorni, il 17, con due azioni distinte anche se coordinate fra di loro.

Europa, Borse incerte occhi a taglio dei tassi

Sono durate poco più di un’ora le ambizioni di rimbalzo delle Borse europee, reduci dalla seduta più disastrosa degli ultimi 20 anni. Sulle speranze per un taglio dei tassi di interesse coordinato da parte delle banche centrali mondiali, speranze alimentate dalla decisione della Banca centrale australiana di ridurre il tasso ‘overnight’, hanno preso il sopravvento i timori per la crisi che sta travolgendo il sistema bancario.

bce_logo

Indicazioni sulle intenzioni delle banche centrali mondiali potrebbero venire dai discorsi in programma per oggi pomeriggio dei presidenti della Bce, Jean-Claude Trichet, e della Fed, Ben Bernanke.

Bce, tassi al 4,25%

Come ampiamente preannunciato la Banca centrale europea ha deciso di reagire all’aggravamento dei rischi inflazionistici, aumentando di 25 punti base i tassi di interesse di riferimento, che raggiungono così il 4,25 per cento.

bce_logo

Intanto il tasso interbancario Euribor sulla scadenza a tre mesi è risalito ai massimi da sette anni. al 4,97% – secondo quanto comunicato dall’European Banking Federation – che rappresenta il livello più alto da dicembre 2000 e che era già stato raggiunto all’inizio di giugno.

Cosa prevede la Convenzione ABI per le famiglie in difficoltà

Il Comitato Esecutivo dell’ABI che si è riunito oggi a Milano ha approvato all’unanimità la bozza di accordo tra il Ministero dell’Economia e l’Associazione Bancaria per la rinegoziazione dei mutui a tasso variabile per la prima casa stipulati prima del 1° gennaio 2007. Lo rende noto il Presidente dell’ABI, Corrado Faissola.

mutuo

“L’iniziativa – ha dichiarato Faissola – viene incontro a quelle famiglie che si sono trovate in
difficoltà con il pagamento delle rate del mutuo dopo i rialzi dei tassi di interesse decisi dalla Bce
dalla fine del 2005.

La Bce lascia i tassi al 4%

Il consiglio direttivo della Bce, riunito a Francoforte, ha deciso, come previsto, di mantenere invariato il tasso di rifinanziamento pronti contro termine al 4%, il massimo da quasi sei anni.

bce_logo.jpg

Analogamente ha lasciato fermi al 3% e al 5% anche il tasso sui depositi e il tasso marginale. È stato anche deciso di condurre di concerto con la Federal reserve ulteriori azioni coordinate, entro la fine di gennaio, per soddisfare le esigenze straordinarie di liquidità in dollari. Si tratterà di due nuove aste in dollari a 28 giorni dal valore di 10 miliardi di dollari.