catasto

Imposta Municipale Unica: delucidazioni

Non si fa altro che parlarne. Questo acronimo così temuto, il pericolo di tutte le tredicesime degli italiani. Ma cos’è esattamente questa tassa, da dove è partita, quanto si paga e chi? A fronte di tutti i numerosi insulti contro il governo, è giusto saperne qualcosa in più. Ecco in sintesi di cosa si tratta.

Cos’è l’Imu? L’acronimo sta per “Imposta municipale unica”, ed è un contributo introdotto nell’ordinamento giuridico italiano dal comma 1 dell’articolo 8 del Decreto Legislativo numero 23 del 2011, che sostituisce l’imposta comunale sugli immobili (ICI) e, per la componente immobiliare, l’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF).

Accatastamento nuova costruzione

L’accatastamento per nuova costruzione è il censimento del bene che il proprietario presenta presso il catasto ai fini di attribuire il valore fiscale al bene posseduto. Per determinare il valore il tecnico esegue una stima dei fabbricati limitrofi al fine di accertare quale tipo di classamento è più congruo, facendo riferimento a fabbricati con caratteristiche simili nella zona. Una volta registrato l’accatastamento per nuova costruzione il catasto ha tempo un anno per verificare i dati del classamento inseriti dal tecnico.

Il Catasto cambia e pagheremo più tasse

L’Imu ha già portato una nuova forma di tassazione degli immobili più onerosa, rispetto all’Ici, specialmente per le proprietà diverse dalla prima casa. Ma la vera mazzata arriverà con la revisione del Catasto, necessaria per avvicinare gli attuali valori catastali degli immobili ai veri valori di mercato. Ecco in sintesi che cosa cambia.

La Riforma del catasto

La disciplina di riforma del catasto, contenute tra le misure della legge sulla delega fiscale, dovrà essere portata avanti dall’Agenzia del Territorio, che si avvarrà della collaborazione dei Comuni e dei tecnici professionisti tramite i rispettivi Ordini. L’unico elemento che sarà, invece, sicuramente sottratto alla potestà degli enti territoriali e degli Ordini professionali sarà quello relativo all’attribuzione delle rendite catastali.

Osservatorio regionale del Catasto

Il Catasto dei rifiuti è articolato in:
una sezione nazionale con sede a Roma presso l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale – ISPRA – (ex APAT – Agenzia per la protezione dell’ambiente e per i servizi tecnici), con compiti di elaborazione e diffusione dei dati; sezioni regionali/provinciali presso le corrispondenti Agenzie per la protezione dell’ambiente regionali (ARPA), o delle province autonome (APPA), con compiti di raccolta, bonifica, certificazione ed elaborazione, e di supporto informativo qualificato agli altri enti territoriali competenti, e a tutti i soggetti istituzionali interessati alle problematiche connesse ai rifiuti.

Verifiche per acquistare casa

Prima di procedere all’acquisto di una immobile, sono necessarie alcune verifiche preliminari.
Innanzitutto, occorre accertarsi che il venditore non sia un soggetto protestato o fallito; che l’unità immobiliare in questione sia stata costruita nel rispetto della normativa edilizia; che non siano stati effettuati lavori abusivi (o che siano stati condonati). In caso si fosse deciso di affidarsi ad un’agenzia, è opportuno conoscere la percentuale dovuta l’intermediazione prestata. Essa, solitamente compresa tra 1,5% e 5%, varia da città in città.

Scoperti 570mila immobili fantasma

Nell’ultimo anno sono stati scoperti altri 571 mila immobili ‘fantasma’, cosi’ in tutta Italia il numero complessivo supera i due milioni. A rilevarlo e’ l’Agenzia del Territorio, che ha presentato l’indagine completa sui fabbricati nascosti al catasto.

agenzia_territorio1-500x161

Finora l’iniziativa ha permesso di portare alla luce quasi 200 milioni di rendite catastali. A ‘sfuggire’ al catasto sono soprattutto le abitazioni (33%).

Comunicato stampa Agenzia del Territorio

Planimetrie catastali disponibili su Internet

Con una nota inviata dall’On.le Roberto Simonetti al Ministro On.le Giulio Tremonti relativa alla richiesta di poter accedere tramite il servizio Internet (mediante il sistema Sister) all’accesso delle planimetrie delle unità immobiliari urbane, è stata confermata la possibilità di visionare le planimetrie catastali.

5

Clicca qui per  la risposta del capo di gabinetto del Ministero dell’Economia e delle Finanze Prof. Vincenzo Fortunato.

Statistiche catastali

Da oggi è disponibile sul sito internet dell’Agenzia del Territorio (www.agenziaterritorio.gov.it) il secondo volume sulle Statistiche catastali relativo al 2007.


Il processo avviato dall’Agenzia del Territorio di elaborazione e pubblicazione di analisi sul mercato immobiliare prosegue con una nuova pubblicazione, giunta alla seconda edizione, attinente lo stock dei fabbricati, così come censito nella banca dati del catasto urbano aggiornato a dicembre 2007.

Il Catasto ha un nuovo Direttore

Il Consiglio dei Ministri ha nominato il 10 luglio scorso la dott.ssa Gabriella Alemanno direttore dell’Agenzia del Territorio. La nomina, proposta del ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, ha incassato anche il parere favorevole della Conferenza unificata. Cambiamenti anche per l’Agenzia del Demanio che sarà guidata da  Maurizio Prato.

gabriellaalemanno

“Sono onorata – ha detto la Alemanno, sorella del sindaco di Roma – sarà mio impegno fare in modo che l’Agenzia del Territorio possa svolgere al meglio il suo compito istituzionale di tutela e di valorizzazione del patrimonio privato, con l’ideazione di nuovi servizi per il cittadino, nonché potenziando quelli esistenti”. L’intenzione della neo-eletta (che sostituisce Mario Picardi che da tempo aveva manifestato l’intenzione di passare il testimone) è di potenziare i servizi via internet lungo la direttrice di una maggior semplificazione.

Fonte: Donnageometra