E’ stato pubblicato lo scorso 7 luglio il testo del d.Lgs. 115/2008, approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 30 maggio, recante norme sull’attuazione della direttiva Ce 32/2006. Un provvedimento recepito in extremis dal governo italiano (il termine utile scadeva il 2 giugno!) che abroga la precedente normativa comunitaria in materia di efficienza degli usi finali dell’energia (direttiva 76/93) e che intende contribuire al miglioramento della sicurezza dell’approvvigionamento energetico e alla tutela dell’ambiente attraverso la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra.

risparmio-energetico

Si stabilisce un quadro di misure volte al miglioramento dell’efficienza degli usi finali dell’energia sotto il profilo costi e benefici. Si attribuisce formalmente all’Enea l’incarico di agenzia nazionale per l’efficienza energetica.
Si definiscono gli obiettivi quadro, i meccanismi, gli incentivi e il quadro istituzionale, finanziario e giuridico necessari ad eliminare le barriere e le imperfezioni che fino ad esso hanno minato il mercato in questione.