credit crunch

Mercato Immobiliare Italiano

A differenza di tanti altri Paesi in Italia non c’è stato lo scoppio di una bolla immobiliare. Il crollo dei prezzi allora è solo rinviato? Ebbene, secondo l’Associazione dei costruttori Ance sul mercato immobiliare italiano, ed in particolare nel segmento residenziale, non ci sono segnali di bolla in quanto negli ultimi dieci anni in Italia c’è stato un aumento numerico dei nuclei familiari.

Peggioramento Mercato Immobiliare

In Italia tra 2008 e 2012 le quotazioni delle case sono scese, complessivamente, del 10,4%, del 16,2% in termini reali, ma la corsa al ribasso potrebbe essere finita. Il rapporto tra prezzi e reddito disponibile procapite, che è un indicatore della capacità di spesa delle famiglie, infatti è rimasto nettamente superiore (+9,2% nel 1o trimestre 2012) rispetto alla media di lungo periodo, calcolata a partire dal 1970. Se il valore dell’Italia è quindi 109,2, quello degli Usa è 81,8 dopo un picco…

Crisi mercati: perdite e svalutazioni banche Ue per 170 mld di dollari

Complessivamente le banche europee hanno registrato perdite o svalutazioni di asset per circa 170 miliardi di dollari a fronte di un ‘buco’ totale globale di oltre 500 miliardi di dollari. Nell’eurozona la perdita ammonta a oltre cento miliardi di euro.

cassaforte

Il calcolo appare nel rapporto previsionale intermedio della Commissione europea reso noto oggi. Secondo la Commissione Ue, tuttavia, nell’eurozona e nella Ue, prese nel loro insieme, non c’e’ un “credit crunch”.

Nel Regno Unito aiuti alle famiglie per 2 mld di sterline

Una manovra da un miliardo di sterline per offrire una boccata di ossigeno alle famiglie strette dalla morsa del carovita e per incoraggiare il mercato immobiliare: il governo britannico ha illustrato oggi il pacchetto di misure preannunciato dal primo ministro Gordon Brown nelle settimane scorse.

inghilterra

Provvedimento che nelle intenzioni del premier vuole essere anche un’iniezione di fiducia per gli elettori e una cartina di tornasole per la sua leadership, minacciata dai fuochi incrociati e dai mal di pancia del partito laburista.