detrazioni fiscali

Bonus del 36%, 50% e 55%

Il tetto annuo di 3mila euro e la franchigia di 250 euro non valgono per gli interventi di ristrutturazione e risparmio energetico

E’ previsto tra oggi e domani l’arrivo in Parlamento del disegno di legge di stabilità varato dal Consiglio dei Ministri alcuni giorni fa (vedi “Legge di stabilità, ecco il testo approvato dal CdM”).

In questi giorni i tagli alle detrazioni fiscali, in particolare la retroattività, hanno suscitato molte polemiche, ma il Governo Monti ha precisato che non intende effettuare alcun rinvio.

Possono però tirare un sospiro di sollievo i contribuenti che hanno effettuato interventi di ristrutturazione e risparmio energetico.

La Legge di Stabilità 2013 ha introdotto un tetto annuo di 3 mila euro per le detrazioni fiscali, che però non avrà valenza per le ristrutturazioni e le riqualificazioni energetiche (bonus del 36%, 50% e 55%).

Inoltre per questo tipo di interventi non vale l’imposizione della franchigia da 250 euro sulle deduzioni.

Risparmio Energetico e Detrazioni

Fortissimo interesse sta suscitando in tutto il mondo dell’edilizia e nel settore dei serramenti il nuovo quadro delle detrazioni fiscali per gli interventi di ristrutturazione edilizia e di risparmio energetico (oramai chiamati questi ultimi con brutto neologismo, di efficientamento energetico).

Finanziaria 2011: le novità per le detrazioni fiscali del 55% per riqualificazione energetica di edifici

Le novità per l’edilizia, introdotte dalla Finanziaria 2011 riguardano soprattutto la parcellizzazione delle spese per la riqualificazione energetica di edifici in dieci rate annuali, anzichè cinque. Inoltre le agevolazioni scadranno il 31 dicembre 2011.

Il bonus del 36% si trasferisce all’acquirente per le quote residue

Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate 457/E del 01 dicembre 2008
Le detrazioni fiscali del 36% per ristrutturazione edilizia, non utilizzate in tutto o in parte dal contribuente che vende, spettano, per i rimanenti periodi d’imposta, all’acquirente persona fisica dell’immobile inserito in un complesso edilizio interamente ristrutturato.

È il parere delle Entrate contenuto nella risoluzione n. 457/E. Infatti, spiega l’Agenzia, con l’atto di vendita si trasferisce sull’acquirente l’onere economico sostenuto per i lavori di ristrutturazione. Chi vende, perde il beneficio fiscale per le rimanenti quote.

Gli sconti del Fisco, dai mutui ai bonus per le famigie numerose

Obiettivo puntato sulle detrazioni fiscali. L’Agenzia delle entrate ha risposto nel corso di un forum a una serie di quesiti inviati dai lettori al Sole 24 Ore.com. Sono numerosi, infatti gli sconti del Fisco per le persone fisiche.

fisco.gif

Detrazioni per le famiglie numerose, per chi ha una casa in affitto, per i giovani che lasciano l’abitazione di mamma e papà.