dpr 917/86

Niente plusvalenza se la mamma resta in casa

Per abitazione principale si intende quella adibita a dimora abituale del contribuente o di un suo familiare.
L’articolo.5, comma 5 del Dpr 917/86 prevede che per familiare, ai fini delle imposte sui redditi, devono
intendersi il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado.

genitori

Nel caso in esame non dovrà essere pagata plusvalenza rientrando la madre nel numero dei familiari, sempre che abbia adibito l’immobile adabitazione principale per oltre la metà del tempo intercorso tra l’acquisto e la vendita.

Fonte: Le novità per la casa

Detrazioni più facili con la Finanziaria 2008

La Finanziaria 2008 prevede piccoli sconti Irpef. Tra i nuovi, uno riguarda il reddito della casa che “scompare” dal reddito complessivo del beneficiario ai fini del calcolo delle detrazioni per carichi familiari, e l’altro riguarda l’esonero dalla dichiarazione dei redditi per i contribuenti che sono titolari solo di redditi fondiari di terreni e fabbricati di importo complessivo non superiore a 500 euro.  

conti.jpg

In entrambi i casi, si tratta di novità che hanno effetto dal 2007, e, perciò, a partire dai redditi da dichiarare con il 730/2008 o l’Unico 2008.