fed

Tassi: Banche Centrali tagliano di mezzo punto

Le banche centrali hanno deciso di tagliare i tassi di mezzo punto. Un taglio deciso congiuntamente a livello mondiale: la Fed ha portato i tassi all’1,5%, la Bce al 3,75%. All’operazione congiunta del taglio dei tassi hanno partecipato la Federal Reserve, la Bce, la Banca d’Inghilterra, la Banca del Canada, e le Banche centrali di Svezia e Svizzera. Anche la banca centrale cinese ha tagliato il costo del denaro, in una misura pari a -0,27%.

soldi

MOSSA SENZA PRECEDENTI
La mossa attuata oggi da sei fra le maggiori banche centrali per il taglio di mezzo punto percentuale dei tassi di riferimento non ha precedenti. Dopo l’ attacco alle Torri di Manhattan dell’ 11 settembre 2001 infatti la Fed e la Bce tagliarono il costo del denaro a distanza di pochi giorni, il 17, con due azioni distinte anche se coordinate fra di loro.

Europa, Borse incerte occhi a taglio dei tassi

Sono durate poco più di un’ora le ambizioni di rimbalzo delle Borse europee, reduci dalla seduta più disastrosa degli ultimi 20 anni. Sulle speranze per un taglio dei tassi di interesse coordinato da parte delle banche centrali mondiali, speranze alimentate dalla decisione della Banca centrale australiana di ridurre il tasso ‘overnight’, hanno preso il sopravvento i timori per la crisi che sta travolgendo il sistema bancario.

bce_logo

Indicazioni sulle intenzioni delle banche centrali mondiali potrebbero venire dai discorsi in programma per oggi pomeriggio dei presidenti della Bce, Jean-Claude Trichet, e della Fed, Ben Bernanke.

Bernanke (Fed): la crisi dei mutui non risolta, serve una risposta «vigorosa»

I casi di mancati rimborsi dei mutui negli Stati Uniti saliranno ancora: lo ha detto martedì 4 marzo il presidente della Federal Reserve Ben Bernanke, parlando ad Orlando in Florida e sottolineando che c’e’ bisogno di fare di più per evitare nuovi casi di sequestro delle abitazioni.

crisi-mutui.jpg

Il presidente della Federal Reserve prevede un ulteriore calo del prezzo delle case negli Stati Uniti pertanto serve una risposta «vigorosa» del sistema bancario americano per impedire nuovi pignoramenti.