investimenti immobiliari

Acquisto case vacanze – Aumentano gli acquirenti tedeschi in Italia

Acquisto case vacanze in Italia

Mercato immobiliare

Secondo le statistiche il mercato immobiliare in Italia, il numero di acquirenti tedeschi di case-vacanza in Italia é in aumento.

Perchè conviene investire nei titoli immobiliari

argento_h_partbAd oggi, la capitalizzazione totale del mercato delle global real estate securities è intorno alle mille miliardi di sterline, per un universo di 1.956 aziende distribuite in 64 Paesi. Quali sono i vantaggi di questa asset class?

Le banche vendono immobili

resizer.jspHo vissuto una piacevole sensazione di déjà vu mentre scorrevo un articolo pubblicato sull’inserto Casa del Sole 24 ore intitolato “Le banche fanno cassa vendendo il mattone”, dove si racconta del tentativo degli istituti italiani di liberarsi di grosse quantità di beni immobiliari rimasti incagliati.
Infatti mi è tornato in mente un altro articolo, pubblicato sempre sul Sole 24 ore nel lontano 10 agosto 2002, titolato stavolta “Le banche rilanciano il ballo del mattone”. Al di là dei toni, frizzante e ottimista quello del 2002, dimesso e preoccupato quello del 2013, il succo è lo stesso: le banche italiane stanno cercando di liberarsi di quote cospicue di beni immobiliari, come se negli ultimi 11 anni non fosse cambiato nulla. Salvo la domanda: chi compra?

Rassegna stampa immobiliare 2012

Immobili, prima casa, ma anche dismissioni, investimenti all’estero e nuovi progetti architettonici tra risultati e ritardi al centro della rassegna immobiliare di oggi.

Partiamo da uno studio dell’Aipb (Associazione degli operatori del Private Banking) riportato da Corriere Economia del Corriere della Sera, secondo il quale gi italiani benestanti vedono ancore nel mattone un canale di investimento privilegiato. Secondo lo studio ben il 97% delle famiglie italiane che possiedono un risparmio superiore a mezzo milione di euro, possiede una prima casa (+20% rispetto alla media nazionale), l’80% una seconda abitazione, il 67% immobili residenziali e il 45% immobili non residenziali. Il rapporto rivela anche come, nonostante la crescente pressione fiscale, gli immobili rimangono un investimento scelto da molte famiglie benestanti, e indicato nel 44% della clientela privata come destinazione privilegiata di investimento.

Crisi nel settore immobiliare

A) Minor gettito fiscale (particolarmente dell’Iva): i dati positivi recentemente diffusi si spiegano solo considerando il surplus di entrate fiscali derivante dalla prima rata dell’IMU,senza la quale il saldo risulterebbe comunque in diminuzione.

Immobili, Roma e Milano tra 5 città europee più redditizie

Milano e Roma sono tra le prime cinque città europee per redditività degli investimenti immobiliari dopo Bruxelles, Amsterdam e Berlino. Lo rileva l’ufficio studi di idealista.it – sito spagnolo di annunci immobiliari – che ha calcolato il price earning ratio (prezzo medio di un immobile in rapporto al canone medio annuo che occorre pagare per affittarlo).

mondo1
Dallo studio risulta che acquistare un immobile da mettere a reddito a Milano o Roma ripagherebbe l’investimento nel giro di 22 anni e 24 anni (rendimento del 4,4% e del 4,25% contro i 15 di Amsterdam, prima classificata, e i 68 di Monaco (dodicesima e ultima della classifica). A Berlino servono 20 anni, a Parigi 26 e a Londra 29. Fuori Europa, per Tokyo servono 18 anni, 29 anni per Mosca.

Fonte: Reuters Italia

Indagine Tecnoborsa 2008

Oggi l’Italia si trova ad affrontare un nuovo ciclo immobiliare, dopo la crescita proliferante registrata dal 1998 al 2007. Come già rilevato da Tecnoborsa con la precedente Indagine 2007, è proprio a partire dalle sei grandi città italiane che sono giunti i primi segnali di crisi del mercato.

subprime

Infatti, andando ad analizzare le compravendite, è emerso che solo il 4,2% delle famiglie intervistate ha acquistato un immobile nel biennio 2006-2007, con un calo dello 0,5% rispetto all’Indagine 2006 e addirittura del 2,2% rispetto al 2004. Inoltre, si compra casa prevalentemente per necessità e ciò è dovuto sia ai costi elevati delle case, sia alla crescita dei tassi d’interesse.