involucro edilizio

Bioarchitettura Ecosostenibile

Personalizzazione estrema ed alto livello qualitativo sono le caratteristiche che contraddistinguono le costruzioni Biohaus, vere opere di ingegneria e di design che uniscono la tecnologia allo stile architettonico più ricercato.
Le strutture Biohaus sono corredate delle più prestigiose certificazioni tra le quali RAL e Passiv Haus, oltre alla certificazione europea CE  per i prodotti da costruzione ed alla certificazione PEFC, che attesta la provenienza del legname e l’uso di politiche di riforestazione ecosostenibili.

La prima casa che produce maggior energia di quanta ne consuma

89b218163aLa casa Energy+ realizzata da Wolf Haus, è un progetto di Casa Passiva che coniuga risparmio energetico, comfort, sostenibilità e business.
La prima casa Enery+ è stata costruita nel 2011 a Ora, in provincia di Bolzano, secondo lo standard CasaClima A+.
Si tratta di un gioiello di tecnologia, il risultato di una sfida ambiziosa che ha coinvolto e impegnato per mesi un team di professionisti – architetti, ingegneri, tecnici – che hanno condiviso tutto il loro know-how per dare vita a un concetto costruttivo assolutamente innovativo, destinato a porre nuovi standard per il futuro.

I laterizi isolanti

Per isolare termicamente gli edifici senza aumentare lo spessore perimetrale, i laterizi forati riempiti con lana di roccia rappresentano un’interessante soluzione.

Per ottenere le prestazioni di isolamento termico richieste dall’attuale normativa e’ ormai invalso il ricorso a soluzioni come i cappotti termici, interni o esterni.
Tali soluzioni, pero’, oltre che essere piuttosto costose, comportano un aumento degli spessori degli involucri esterni o una riduzione delle superfici interne.
Per le nuove costruzioni è possibile avvalersi di laterizi forati riempiti di lana di roccia, dalle ottime prestazioni termiche, accoppiate a spessori ridotti.

I laterizi isolanti

Per ottenere le prestazioni di isolamento termico richieste dall’attuale normativa e’ ormai invalso il ricorso a soluzioni come i cappotti termici, interni o esterni. Tali soluzioni, pero’, oltre che essere piuttosto costose, comportano un aumento degli spessori degli involucri esterni o una riduzione delle superfici interne.

La sostenibilità edilizia

È noto come la presenza sul mercato di numerosi nuovi prodotti, materiali e componenti abbia considerevolmente ampliato le opzioni di scelta da parte degli operatori del settore per la messa a punto di soluzioni progettuali anche fortemente innovative, ma abbia allo stesso tempo innescato nuove problematiche,
talora inadeguatamente governate, in termini di definizione di proposte costruttive adeguate e di raggiungimento di una elevata qualità prestazionale delle realizzazioni stesse.

Pubblicato il D.M. 26 gennaio 2010 “Aggiornamento del decreto 11 marzo 2008 in materia di riqualificazione energetica degli edifici”

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12/02/2010 è stato pubblicato il D.M. 26 gennaio 2010 “Aggiornamento del decreto 11 marzo 2008 in materia di riqualificazione energetica degli edifici” firmato, lo scorso 25 gennaio, dal Ministro dello sviluppo economico Claudio Scajola.


Il decreto modifica i valori limite della trasmittanza termica, per le componenti dell’involucro edilizio, il cui rispetto è necessario per accedere alle detrazioni fiscali del 55% per gli interventi di riqualificazione energetica.
Il nuovo decreto modifica (anche sensibilmente) i valori della trasmittanza previsti nel D.M. 11 marzo 2008.