videosorveglianza

La criticità della riforma condominiale

“Il Nuovo Condominio: gli aspetti più rilevanti e le criticità della riforma”. E’ il tema della conferenza organizzata da Ape Confedilizia di Forlì -Cesena, in collaborazione con Gesticond (associazione nazionale di amministratori condominiali aderenti a Confedilizia), che si è svolta venerdì alla Camera di Commercio di Forlì. I lavori si sono aperti con i i saluti del presidente Ape-Confedilizia di Forlì-Cesena, l’ingegner Carlo Caselli, per poi proseguire con la relazione dell’avvocato Vincenzo Nasini del Foro di Genova.

Le nuove regole condominiali

Per un po’ avranno di che sbizzarrirsi quelli che in assemblea amano fare le pulci sulla ripartizione delle spese e le tabelle millesimali, per la gioia dell’amministratore e dei vicini. Il Parlamento, dopo un iter durato più di dieci anni, ha infatti approvato una nuova legge che introduce parecchie modifiche alle regole sul condominio (la normativa vigente risaliva in gran parte al Codice Civile del 1942!).

Cassazione: Videosorveglianza nei condomini? E’ lecita

Corte di Cassazione, Sentenza n. 44156/2008
La Quinta Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 44156/2008) ha stabilito che è lecita la videosorveglianza nei condomini e ciò anche se è a discapito della privacy.

Nel caso di specie, la Corte ha infatti osservato che “non era certamente volontà dell’imputato, che secondo le stesse sentenze di merito aveva installato l’impianto solo per ragioni di sicurezza esterne, riprenderne anche aspetti della vita privata dei suoi vicini all’interno della loro casa:

Lecite le videoriprese dei vicini nel cortile

Corte di Cassazione, Sentenza n. 22602/2008
Le videoriprese dei vicini di casa, effettuate per smascherare comportamenti illeciti, sono lecite purché non dirette verso luoghi di privata dimora ma verso aree utilizzate da un numero indifferenziato di persone.

Lo ha stabilito la Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione annullando con rinvio un’ordinanza del Tribunale del Riesame di Reggio Calabria che aveva confermato la custodia cautelare per un uomo sospettato di far parte di una associazione a delinquere sulla base di alcune videoriprese effettuate nel cortile del palazzo nel quale abitava.

Privacy: telecamere nei condomini? occorre una regolamentazione chiara

Il Garante per la protezione dei dati personali ha reso noto di aver segnalato al Parlamento e al Governo l’opportunità di valutare l’adozione di una disciplina che regoli specificamente alcuni aspetti relativi al trattamento dei dati personali determinati dall’installazione di impianti di videosorveglianza nei condomini, materia allo stato non disciplinata specificamente.

telecamera-videosorveglianza

L’Autorità ha evidenziato che il problema, posto da interi condomini, è relativo all’installazione di tali impianti in aree comuni. Dall’esame di tale problematica è emersa l’esistenza di due interessi contrapposti: da un lato l’esigenza di sicurezza delle persone e di tutela di beni comuni e, dall’altro, la preoccupazione dei singoli che gli impianti di videosorveglianza possano incidere sulla libertà di muoversi, senza essere controllati, nel proprio domicilio e all’interno delle aree comuni.

L’utilizzo della tecnologia per il miglioramento della qualità degli edifici

Si terrà Sabato 9 febbraio 2008 alle ore 11.00 presso la sala convegni E della Fiera Internazionale Seatec presso Carrarafiere l’incontro sul tema “L’utilizzo della tecnologia per il miglioramento della qualità degli edifici” 

seatec.jpg

Si parlerà di domotica, sicurezza, risparmio energetico, energie rinnovabili. Di home e building automation.