img.phpL’autunno porta con sé un nuovo tonfo per il mercato degli immobili. Dai dati dell’ emerge una netta flessione nel terzo trimestre di quest’anno. Analizzando le differenti aree geografiche, il Nord e il Centro mostrano perdite superiori rispettivamente con un -28,2% e un -29,6%.
Il crollo delle compravendite di abitazioni, registrata nel terzo trimestre 2012 a livello nazionale, si evidenzia anche nelle maggiori otto città italiane. Con un numero di transazioni pari a 15.154, le grandi città registrano complessivamente un tasso pari a -24,0%. Si conferma e si accentua, quindi, il trend decrescente rilevato con i tassi negativi del primo e del secondo trimestre dell’anno.
Numero di Transazioni Normalizzate trimestrale e variazione % tendenziale annua del nelle principali città
ROMA     5.381     -27,5%
MILANO     2.974     -27,2%
TORINO     2.033     -15,7%
GENOVA     1.182     -23,2%
NAPOLI     1.307     -0,4%
PALERMO     833     -28,1%
BOLOGNA     710     -29,9%
FIRENZE     735     -26,6%
Totale
15.154
-24,0%
fonte: del Territorio (http://www.agenziaterritorio.it)

Parallelamente, anche dal fronte dei mutui non giungono buone notizie: secondo la rilevazione dell’ufficio studi di Mutui.it, negli ultimi sei mesi (maggio-ottobre 2012) l’erogato medio concesso agli italiani cala di quattro punti in sei mesi (- 4%).
Confrontando le richieste di preventivo mutuo a distanza di sei mesi si è registrato un nuovo aumento della differenza tra la somma media richiesta e quella effettivamente erogata: era di 6 punti percentuali lo scorso aprile, mentre a ottobre è diventata dell’11%, a causa della continua discesa dell’importo mediodei mutui concessi.
Uno segnale positivo giunge dal mercato, se si considera esclusivamente l’erogazione di mutui prima casa. Qui l’erogato medio per la prima casa è salito a 127.000 euro (+12%): considerando anche il calo del valore degli immobili oggetto d’acquisto (-8%), la percentuale finanziata sale al 61%.

 

Fonte: economia.virgilio.it