emirati

Dubai World a rischio, tremano le Borse

Tremano le borse europee guardando al Medio Oriente. Lo spettro del default di Dubai World agita i mercati: il timore è che un eventuale crac della onnipresente holding dell’Emirato, che ha chiesto ieri alle banche di sospendere per sei mesi i pagamenti sul debito di 59 miliardi, potrebbe essere il peggiore da quello dell’Argentina nel 2001.

dubai-hotel1190-small

Tanto è bastato, pensando anche al crac di Lehman di una anno fa, a far sprofondare gli indici guida del Vecchio Continente, già orientati al ribasso dopo i guadagni degli ultimi mesi e senza la bussola di Wall Street, chiusa (anche domani) per la festa del Ringraziamento. Centocinquanta i miliardi di capitalizzazione bruciati nella seduta.

Fonte: Ansa

Crisi mutui negli Emirati, immobiliare in forte calo

Sotto i colpi delle cifre che emergono dalle analisi e dell’evidenza delle misure adottate dalle autorita’, comincia a delinearsi un profilo economico degli Emirati Arabi Uniti (Eau) molto piu’ opaco di quello strenuamente illustrato con rassicuranti commenti sul presente e con previsioni sul futuro ad imprenditori, acquirenti ed investitori fino a pochi giorni fa.

Le borse della confederazione dei sette emirati hanno registrato un’altra settimana in picchiata, con i titoli immobiliari in caduta libera con una media del -9,82%. Il settore immobiliare, una delle colonne portanti del tessuto finanziario del Paese, ha registrato una brusca frenata: nonostante ”la liquidita’ nelle casse del settore immobiliare sia sufficiente per coprire i lavori nei prossimi 21 mesi” come assicurato da Mohammad Ali Alabbar, membro della giunta esecutiva comunale di Dubai e presidente della Emaar Properties, il mercato immobiliare potrebbe arrivare a registrare un rallentamento del 13%.