Nell’immaginario collettivo degli italiani vacanze in America significa soprattutto Caraibi. L’alta richiesta ha fatto crescere i prezzi, ma è ancora possibile trovare qualche isola minore o zona poco battuta che risulta ancora a buon mercato.  

caraibi.gif

Tra l’altro si tratta in linea di massima di zone non pericolose, a eccezion fatta della Giamaica. «Tra i nostri clienti ci sono molti pensionati italiani che si trasferiscono qui per qualche mese all’anno o addirittura per tutta la vita – afferma Mauro Traverso, dell’omonima agenzia immobiliare. 

Una casa nuova vicino al mare a Santo Domingo può costare 1.000-1.200 euro al metro quadrato». E parliamo di zone come le spiagge intorno La Romana, fornite di tutti i servizi e anche di un . Un bilocale di 35 metri quadrati ristrutturato costa attorno ai 35mila euro mentre una casetta di 55-60 metri quadrati viene attorno agli 85-90mila euro. Se però si sceglie di andare a vivere in città, i valori addirittura si dimezzano. Per restare nei Caraibi, prezzi interessanti sono quelli di Tobago, un’isola a sud delle Barbados, di fronte al Venezuela. «È ancora poco conosciuta – dice Sonia Nuvolari Scarpa di Tropical villas – ma servita e tranquilla, senza rischi per i turisti. Affitti e costo della vita sono inferiori del 30-40% rispetto a Barbados, anche se non ha nulla da invidiare come bellezza e come strutture». Una villa (con tre camere da letto e tre bagni, piscina e giardino) vicina alla spiaggia o a uno dei numerosi campi da golf, costa tra i 350mila e i 500mila euro, mentre per un appartamento i prezzi si dimezzano. Spostandoci a Sud, prezzi davvero bassi si possono trovare in Venezuela, dove una casa con giardino a (una delle località più turistiche del Paese) va dai 400 ai 500 euro al metro quadrato. I prezzi salgono se si cercano sistemazioni più vicine agli standard europei, raggiungendo anche i 1.500 euro. «Ma non consiglierei di andarci – ammette Adriano Castaldi, uno dei titolari della veneziana Broker house -. Queste sono case che io vendo soprattutto a turisti locali, mentre agli italiani consiglio il , più tranquillo politicamente e più servito». Anche se anche questo Paese sudamericano gli episodi di violenza non mancano. Qui l’agenzia veneziana mette in vendita alcune ville lungo la costa a nord di Rio de Janeiro, richieste soprattutto da clienti che vanno a passarci le vacanze. Una villa sull’Oceano delle dimensioni di 120 metri quadrati costa circa 180mila euro. I prezzi medi al metro quadrato si aggirano tra i 1.200-1.500 euro. Considerando il basso livello degli stipendi (in genere 50-100 euro di media al mese), con altri 200 euro all’anno ci si assicura il personale di servizio per curare e mantenere la casa. Anche Nicos Bertani, di Case nel mondo, consiglia il , dove una villa arredata e dotata di tutti i servizi a Porto Seguro, nello stato di , può costare sui 200mila euro, mentre un appartamento di 60 metri quadrati va in vendita per 45mila euro. Un’altra destinazione da considerare è l’Argentina: un Big Mac qui costa appena 1,55 euro, uno stipendio medio non supera i 250 euro e con cinque euro ci si assicura una gustosa e abbondante cena al ristorante. L’agenzia Fontana&Fernandez mette in vendita ville tra i 200 e i 600 mq, con 3mila mq di giardino a Salta, nel Nord-Ovest del Paese – spiega il titolare dell’agenzia Davide Fontana – a un prezzo che va dai 250 ai 450mila euro. Queste ville si trovano all’interno di un’area chiusa e protetta, dotata di servizi, piscine, campi da gioco per i bambini e percorsi per escursioni naturalistiche. Con 100-150 euro al mese si può pagare una domestica che curi la casa tutto l’anno, e con altri cento euro al mese un giardiniere si occupa di tutti i lavoretti di manutenzione del giardino.

Fonte: Casa24