pressione fiscale

Report Immobiliare 2012

Fiaip: “Solo la stabilita’ politica ed economica rendera’ possibile l’inizio di una lenta ripresa nel secondo semestre 2013”

Risultati delle rilevazioni FIAIP sull’andamento del mercato immobiliare urbano 2012 e scenari di mercato per il 2013

“La crisi c’è, ma basta con il terrorismo mediatico sulla casa. In Italia non ci sarà nessuna bolla immobiliare.”

Crolla il numero delle compravendite nel 2012: – 17,22%
Forte diminuzione dei prezzi delle abitazioni – 11,98% e delle locazioni – 5,60 %.
Il mattone continua a garantire il rendimento a medio-lungo termine + 4%

Mercato Immobiliare 2013 l’anno dell’affitto

L’effetto Imu sulle locazioni si fa sentire. Sempre più proprietari affittano il loro immobile, mentre i prezzi scendono in 11 delle 12 grandi città. E’ la fotografia del portale immobiliare idealista.it che ha monitorato l’andamento dei prezzi di 20.429 immobili nelle città capoluogo italiane presenti nel database del portale. il crollo più clamoroso dei prezzi si registra a roma (-8,8%)

Compravendite Immobiliari crollano

prezzi-caseLe compravendite immobiliari registrano un andamento medio dei prezzi in calo dell’11,98% per le abitazioni, mentre crolla il numero delle compravendite che si attesta a -17,22% nel 2012. Netto calo dei prezzi per le locazioni a uso abitazione (-5,6%) e delle locazioni commerciali (-12,5%) rispetto al 2011. È prevista una lenta ripresa nel secondo semestre 2013, ipotizzabile solo se vi sarà stabilità politica ed economica nei prossimi mesi.

Berlusconi: così rimborso l’Imu

2013-02-berlusconi3Le incertezze politiche tornano ad agitare i mercati del debito. Lo spread tra i Btp decennali e i suoi omologhi tedeschi apre la seduta a 293 punti, superando la cosiddetta ‘quota Monti’, ovvero quei 287 punti che erano stati fissati come obiettivo dal premier. Il rendimento è al 4,52%. Si allarga anche il differenziale Bonos/Bund, che si attesta a 386 punti per un tasso del 5,47%.

La nuda proprietà sugli immobili

compravendita nuda proprietaEvidentemente questa crisi è così radicata nel popolo italiano che si stanno cambiando le abitudini anche nei confronti di quel bene che da sempre per i nostri concittadini è stato sinonimo di sicurezza e rifugio dei risparmi, la casa.

Il mercato immobiliare sta vedendo diversi cambiamenti nell’ambito della gestione degli immobili che la congiuntura economica porta con sè, a partire dalla ritrovata consuetudine di sub affittare una stanza per avere un maggiore reddito disponibile, magari quella del figlio che è uscito dal nucleo famigliare, fino a giungere all’ultima delle soluzioni, che proprio ieri sera alla trasmissione Ballarò veniva illustrata, si tratta della nuda proprietà a tempo determinato, o sarebbe meglio dire l’usufrutto a scadenza.

Rassegna stampa immobiliare 2012

Immobili, prima casa, ma anche dismissioni, investimenti all’estero e nuovi progetti architettonici tra risultati e ritardi al centro della rassegna immobiliare di oggi.

Partiamo da uno studio dell’Aipb (Associazione degli operatori del Private Banking) riportato da Corriere Economia del Corriere della Sera, secondo il quale gi italiani benestanti vedono ancore nel mattone un canale di investimento privilegiato. Secondo lo studio ben il 97% delle famiglie italiane che possiedono un risparmio superiore a mezzo milione di euro, possiede una prima casa (+20% rispetto alla media nazionale), l’80% una seconda abitazione, il 67% immobili residenziali e il 45% immobili non residenziali. Il rapporto rivela anche come, nonostante la crescente pressione fiscale, gli immobili rimangono un investimento scelto da molte famiglie benestanti, e indicato nel 44% della clientela privata come destinazione privilegiata di investimento.

Ance. Ddl Stabilità: per il 2013 produrrà un ulteriore effetto depressivo sul settore

Si è svolta il 24 ottobre l’audizione di Ance, Associazione nazionale costruttori edili, e presso le Commissioni Bilancio della Camera dei Deputati e del Senato sui contenuti dei documenti di bilancio che compongono la manovra economica, concernenti le “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato” (Legge di stabilità 2013) (DDL 5534-bis/C) e il “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2013 e per il triennio 2013-2015” (DDL 5535/C).

La donazione dei beni immobiliari

E’ sempre una questione delicata e non chiarissima quella che riguarda la donazione dei propri beni e soprattutto di quelli immobili, moltissime sono le sfaccettature e gli aspetti che devono essere presi in considerazione.È necessario infatti calcolare le quote, prendere in considerazione eventuali casi di nullità o di revoca, le possibilità di rimettere in vendita la casa avuta in dono o le problematiche concernenti le famiglie allargate.

Mutui: -18% nel terzo trimestre 2011

Il mattone continua a scontare gli effetti della crisi economica e della pressione fiscale che ha nella casa una delle sue vittime preferite. Secondo i dati Istat più recenti, diffusi oggi, il terzo trimestre 2011 ha segnato un tonfo dei mutui accesi per l’acquisto di immobili rispetto allo stesso trimestre del 2010.