In alto, in alto a perdita d’occhio. Dubai inaugurerà oggi l’edificio più alto del mondo tra massime misure di sicurezza. L’altezza precisa della Burj Dubai ( per “Torre di Dubai”) è ancora segreta. Il grattacielo ha superato già il 5 febbraio i 500 metri, sorpassando di fatto l’edificio rivale, il Taipei 101 a Taiwan.

6a00d8341f5c9853ef00e550a443878834-800wi

Ma i costruttori del Burj, l’Emaar Properties, sono alla caccia di un record e non si sono fermati lì. L’edificio sfiora oggi gli 819 metri (stimati) con la guglia. Il piano d’osservazione, al 124esimo piano, sarebbe a sua volta un record. Il Burj Dubai batterebbe così anche la Cn Tower di Toronto e l’antenna KVLY-TV mast nel Nord Dakota. Il numero di piani abitabili dovrebbe essere 162. L’ è il simbolo delle ambizioni del regno e del suo galoppante sviluppo. Ma sarà oscurata dalle difficoltà economiche dell’emirato, che ha rasentato la catastrofe finanziaria a novembre. “Non sapevamo fin dove avremmo potuto spingerci” dice l’ingegnere Bill Baker, a Dubai per l’inaugurazione. “E’ stata un’esplorazione…” Baker è americano di uno studio di Chicago. Proprietari della torre sono le Emaar Properties, che hanno continuato a spingere i costruttori verso l’alto. Questa sera, la gigantesca torre affusolata di metallo e vetro sarà inaugurata con un gigantesco – manco a dirlo – sfoggio di fuochi d’artificio. E oltre mille agenti della sicurezza, fra cui poliziotti in borghese e cecchini, saranno dispiegati. Il lavoro sulla maxitorre era iniziato nel 2004. Già nel gennaio del 2007 gli operai, molti dei quali venuti dall’India con contratti a tempo, avevano finito i primi 100 piani. La Burj Tower conterrà appartamenti di lusso, uffici, e un albergo disegnato da Giorgio Armani; ma sarà anche al di un complesso di lusso, con decine di altri grattacieli, più piccoli me nuovi di zecca. Ma ci sarà anche il più grande centro commerciale del .

Fonte: APCom