compravendite immobiliari

Crisi Immobiliari gli italiani temono di svendere il proprio immobile

L’indagine di Immobiliare.it su come varia la percezione degli Italiani del mercato immobiliare italiano registra, nel terzo trimestre 2012, una situazione di perplessità su tutto il territorio.
La percentuale degli italiani che pensano questo non sia il momento migliore per vendere casa cala leggermente rispetto a tre mesi fa, ma resta comunque alta: il 72% del campione intervistato preferisce tenersi stretto ciò che possiede, temendo di dover svendere pur di chiudere le trattative. Al contempo, torna ai livelli più bassi mai registrati dall’inizio delle rilevazioni la propensione all’acquisto: solo il 45% degli italiani intervistati pensano che sia un buon momento per comprare casa. Il breve salto oltre il 50% registrato a luglio è stato, quindi, solo momentaneo.

Messina: compravendite immobiliari

La crisi investe ormai molti settori dell’economia italiana, particolarmente colpito risulta il comparto degli scambi immobiliari residenziali, un calo legato a vari fattori quali la congiuntura economica ed occupazionale, il crollo nell’erogazione dei mutui, l’enorme quantità di case invendute e dei pochi clienti disposti ad acquistare oltre all’introduzione dell’IMU.

Agenti Immobiliari rinnovare per non chiudere

Nei giorni scorsi l’Ufficio Studi LivelloCasa ha pubblicato un report che illustra tramite l’analisi storica dei dati delle transazioni immobiliari, i cicli del settore immobiliare, fattori socio-economici e numero di agenti e agenzie immobiliari attive sul mercato qual è la reale situazione del comparto immobiliare italiano. Lo studio porta all’attenzione aspetti della crisi che spesso sono sottovalutati dai professionisti.

Compravendite Immobiliari: leggero rialzo

Nel terzo trimestre del 2011 le compravendite di unità immobiliari sono aumentate del 4% rispetto allo stesso periodo del 2010.Salendo a oltre 175mila (175.644).
Considerando i primi nove mesi del 2011 rispetto agli stessi del 2010 si registra una lieve diminuzione delle compravendite (-0,9%).

Crollo delle compravendite in u.k.: -53% a settembre

Il numero di case “passate di mano” nel Regno Unito è sceso del 53% rispetto a un anno fa. Solo 59mila case residenziali con valore maggiore a 40mila sterline sono state vendute a settembre, mentre nello stesso mese del 2007 ne erano state vendute 126.000, secondo la società britannica.

Un dato al di sotto persino al numero delle compravendite di agosto (60.000) e lontanissimo dal record mensile di 154mila case vendute a dicembre 2006. In parallelo il prezzo delle case del regno unito ha sofferto in ottobre la sua maggiore caduta da sei mesi a questa parte.

Accertamento fiscale sulle compravendite immobiliari

Agenzia delle Entrate – Risoluzione n. 285/E del 07 luglio 2008
L’Agenzia delle Entrate torna sul tema delle modalità per l’accertamento di valore nelle compravendite immobiliari, materia oggetto di recenti ed importanti innovazioni normative, con la risoluzione n. 285/E del 7.7.2008, della quale sono di seguito illustrate brevemente le conclusioni.

lente3

La regola generale per l’imposta di registro

La regola generale per l’imposta di registro prevede che per gli atti a titolo oneroso che hanno ad oggetto beni immobili e diritti reali immobiliari la base imponibile è costituita dal valore dei beni e dei diritti dichiarato dalle parti nell’atto, ed in mancanza o se superiore, dal corrispettivo pattuito.