La richiesta, nel periodo fine 2010 fino a metà 2011, era stata effettuata e ottenuta da circa 6 mila famigli italiane per poi essere sospesa per l’esaurimento delle dotazioni iniziali di 20 milioni di euro e per la necessità di rivalutare i criteri di accesso.