Guida all’acquisto

C’è un mattone che cresce intorno al turismo del vino

L’economia che cresce intorno al vino e alla cultura fa crescere l’indotto. Tanti comuni del circuito “città del vino”, attualmente 560 sul territorio italiano, vedono salire il valore del proprio patrimonio edilizio. A livello nazionale il valore medio dei fondi è quadruplicato passando da 10mila a 45mila euro per mille metri quadri e la domanda, in crescita, fa salire le quotazioni degli immobili.

Una importante opportunità di sviluppo per le comunità locali che però va salvaguardata attraverso l’aggiornamento del un piano regolatore delle “città del vino” per la tutela dell’equilibrio estetico e ambientale.

Decreto Anti-crisi. Cosa cambia per i Nuovi Mutui?

Il decreto anti-crisi rappresenta un tentativo del Governo in soccorso dei risparmiatori in difficoltà con il caro-rata, ma cosa cambia all’atto pratico per le famiglie italiane? Al momento (e qualora i termini del decreto dovessero essere confermati) è difficile dare una risposta, tutto dipenderà dall’andamento dei tassi interbancari (gli Euribor ai quali sono indicizzati i mutui variabili sottoscritti finora) nei prossimi 12 mesi.

Il tasso fissato a Francoforte (ora al 3,25%) è infatti generalmente inferiore rispetto all’interbancario, oltre che più trasparente e meno volatile. Resta però da vedere in che modo questa innovazione verrà tradotta in pratica dalle banche, che di norma si finanziano al tasso Euribor e potrebbero quindi chiedere un prezzo superiore in termini di spread per coprirsi dal rischio di eventuali crisi sui mercati interbancari.

Immobiliare-Italia: trovare casa ora è più facile

Il panorama immobiliare su internet si arrichisce di una nuova perla. Dopo l’emergente rete di portali tematici strettamente legati al territorio di appartenenza: vale a dire il network costituito da Immobiliare-Massacarrara.com, Immobiliare-LaSpezia.com, Immobiliare-Versilia.com, Immobiliare-Lucca.com, Immobiliare-Pisa.com, Immobiliare-Prato.comImmobiliare-Firenze.com e Immobiliare-Livorno.com nasce il nuovo portale nazionale Immobiliare-Italia.it dove confluiranno in modo automatico e del tutto gratuito gli annunci pubblicati nei vari portali locali. Tutto ciò per dare una maggiore visibilità e un maggiore traffico di potenziali clienti verso gli annunci pubblicati dalle Agenzie Immobiliari registrate.


Grazie alla presenza di un raffinato motore di ricerca interno, è inoltre possibile filtrare i risultati e chiedere al sistema di visualizzare solo gli immobili con le caratteristiche desiderate; Quando si è raggiunto l’immobile che più interessa, con un semplice click del mouse sarà possibile rivolgersi direttamente all’agenzia di riferimento per approfondire le informazioni già presente ed eventualmente fissare un appuntamento per un incontro.

Questa nuova idea è la dimostrazione del continuo impegno da parte del team di ImmobiliareItalia per offrire il migliore servizio possibile alla Agenzie che in questi anni hanno creduto in loro.

Complimenti ancora da parte di immobiliareblog.it

Quanti soldi occorrono per comprar casa?

Uno studio di scenari immobiliari rileva i metri quadrati acquistabili da risparmiatori con differenti livelli di reddito nelle città capoluogo d’italia. Seguendo la regola che la rata del mutuo non dovrebbe superare un terzo del reddito, il calcolo è stato effettuato per retribuzioni pari a 1.500, 2.000 e tra i 2.500-3.200 euro.

Nel primo caso, con una retribuzione di 1.500 euro mensili e un mutuo di 85mila euro, si possono acquistare tra i 24 e i 29 m2 a Roma, Milano, Bolzano, Venezia e Firenze. La stessa cifra sarebbe sufficiente per acquistare una casa di 90 m2 a Brindisi e alcune città della calabria e della sicilia.

Nuda proprietà: Si o No

La frenata dei prezzi ha riacceso l’interesse su questo tipo di acquisto immobiliare, da scegliere però solo dopo aver valutato i pro e i contro.
Il suo principio base è la separazione fra la proprietà e l’usufrutto.
Se compri sei proprietario della casa ma chi te la vende ne mantiene l’usufrutto, cioè continua a viverci dentro o se affittata a godere dei frutti.


Regolato dall’art. 978 e seguenti del Codice Civile, l’usufrutto può essere a termine – chi vende infatti – può restare nell’appartamento per un periodo prefissato, non più di trenta anni – oppure a vita.
La formula più frequente è l’ultima, perché consente a persone in età avanzata di riscuotere una certa somma continuando a vivere nella propria abitazione. Ci possono essere più usufruttuari ( es. una coppia di coniugi comproprietari) : in questi casi si potrà entrare in possesso solo alla morte di entrambi.

Crisi mutui negli Emirati, immobiliare in forte calo

Sotto i colpi delle cifre che emergono dalle analisi e dell’evidenza delle misure adottate dalle autorita’, comincia a delinearsi un profilo economico degli Emirati Arabi Uniti (Eau) molto piu’ opaco di quello strenuamente illustrato con rassicuranti commenti sul presente e con previsioni sul futuro ad imprenditori, acquirenti ed investitori fino a pochi giorni fa.

Le borse della confederazione dei sette emirati hanno registrato un’altra settimana in picchiata, con i titoli immobiliari in caduta libera con una media del -9,82%. Il settore immobiliare, una delle colonne portanti del tessuto finanziario del Paese, ha registrato una brusca frenata: nonostante ”la liquidita’ nelle casse del settore immobiliare sia sufficiente per coprire i lavori nei prossimi 21 mesi” come assicurato da Mohammad Ali Alabbar, membro della giunta esecutiva comunale di Dubai e presidente della Emaar Properties, il mercato immobiliare potrebbe arrivare a registrare un rallentamento del 13%.

Il Mercato Immobiliare è una curva sinusoidale

Il mercato immobiliare può essere visto come una curva sinusoidale: per fare un esempio, come la rappresentazione grafica della corrente alternata. Infatti, dopo un periodo in cui i valori immobiliari si sono vertiginosamente alzati (tra il 1998 ed il 2007), ora lentamente la curva delle quotazioni inizia a decrescere.


Ma come si rapportano le famiglie italiane all’andamento del ciclo immobiliare? Lo spiega un’indagine di Tecnoborsa che rileva come, secondo gli ultimi dati dell’Agenzia del Territorio, le compravendite nel 2008 registrano un decremento sul 2006 del 4,6% per il solo settore residenziale, cioè quello che appunto riguarda più da vicino le famiglie italiane.

Focus mercato immobiliare: Massa Carrara

Calano le compravendite a Massa Carrara e, fra le varie tipologie di appartamenti, reggono soprattutto i bilocali. E’ questo il quadro della situazione fotografato dagli agenti Fiaip della zona.

Se da un lato, secondo l’Osservatorio dell’Agenzia del territorio, si sarebbe chiusa la tradizionale forbice tra Carrara e Marina, secondo i professionisti della vendita del mattone tra il centro città e il mare rimangono differenze di prezzo non inferiori al 20-30% per l’acquisto di un appartamento standard.

Milano, Fiera e Monterosa i quartieri ideali per gli over 70

Un’abitazione di 60-70 metri quadri, munita di ascensore, ben servita da piccoli negozi e botteghe, supermercati, circoli ricreativi e aree di aggregazione, mezzi pubblici e possibilmente vicina ad un pronto soccorso. È la casa ideale dei pensionati appartenenti alla fascia medio-alta della società in cerca di un’abitazione nel capoluogo lombardo.


Lo rivela un’indagine condotta per solocasenews.it dall’Ufficio Studi FIMAA di Milano (Collegio degli Agenti d’Affari in Mediazione della Provincia), su un campione di oltre 1.800 agenzie associate. La popolazione italiana tende ad invecchiare e sempre più spesso i giovani non hanno uno stipendio fisso, a differenza degli anziani che possono contare su una pensione.

Dal Notariato i chiarimenti su compravendite e certificazione energetica

L’articolo 35 della L. 133/2008 (conversione con modificazioni del D.L. 112/2008) ha soppresso l’obbligo di allegare l’attestato di certificazione energetica all’atto di compravendita degli immobili, e, in caso di locazione, di consegnare o mettere a disposizione del conduttore l’attestato di certificazione energetica.

certificazione-energetica

La redazione dell’attestato di certificazione/qualificazione energetica, prevista dall’art. 6 del D.Lgs. 192/2005, deve essere comunque effettuata rispettando le scadenze ivi indicate.
Alcuni dubbi sono sorti circa la corretta applicazione delle suddette disposizioni.