superfici

La prima casa che produce maggior energia di quanta ne consuma

89b218163aLa casa Energy+ realizzata da Wolf Haus, è un progetto di Casa Passiva che coniuga risparmio energetico, comfort, sostenibilità e business.
La prima casa Enery+ è stata costruita nel 2011 a Ora, in provincia di Bolzano, secondo lo standard CasaClima A+.
Si tratta di un gioiello di tecnologia, il risultato di una sfida ambiziosa che ha coinvolto e impegnato per mesi un team di professionisti – architetti, ingegneri, tecnici – che hanno condiviso tutto il loro know-how per dare vita a un concetto costruttivo assolutamente innovativo, destinato a porre nuovi standard per il futuro.

I laterizi isolanti

Per isolare termicamente gli edifici senza aumentare lo spessore perimetrale, i laterizi forati riempiti con lana di roccia rappresentano un’interessante soluzione.

Per ottenere le prestazioni di isolamento termico richieste dall’attuale normativa e’ ormai invalso il ricorso a soluzioni come i cappotti termici, interni o esterni.
Tali soluzioni, pero’, oltre che essere piuttosto costose, comportano un aumento degli spessori degli involucri esterni o una riduzione delle superfici interne.
Per le nuove costruzioni è possibile avvalersi di laterizi forati riempiti di lana di roccia, dalle ottime prestazioni termiche, accoppiate a spessori ridotti.

Franciacorta e Garda scoperte dai norvegesi

E alla fine arrivano i norvegesi. Sono loro, infatti, i protagonisti del mercato immobiliare di pregio del 2012 in provincia di Brescia così come risulta dai dati in possesso di IIN Italian International Network, la società del Gruppo Wiish che si occupa di compravendita di immobili e case di pregio in provincia di Brescia.
Nei soli ultimi 6 mesi, IIN ha infatti ricevuto in media una richiesta alla settimana per soluzioni abitative di valore, da 600mila euro in su, sul lago di Garda o nei territori della Franciacorta.

Le ultime novità su arredamento e design

La vernice lavagna non è più qualcosa di inconsueto, ci siamo abituati a vederla spesso e qualche volta anche ad utilizzarla. Ecco come se ne serve Alberto Demel che crea per Lineabeta il mobile da bagno Luni.

Ceramica per l’edilizia

Oggi l’industria, con l’obiettivo di incrementarela competitività dei materiali ceramici rispetto a quelli concorrenti – e anche dei prodotti ceramici italiani rispetto alla produzione dei paesi competitori – è impegnata in ricerche finalizzate alla funzionalizzazione delle superfici ceramiche, ovvero a impartire nuove caratteristiche e funzioni ai prodotti convenzionali. Piastrelle di ceramica fotocatalitiche, fotovoltaiche, antibatteriche, autopulenti, ma anche con capacità fotocromiche e termocromiche (variazione di colore per effetto della radiazione incidente e della temperatura) sono esempi di queste innovative prestazioni.»