Contribuiamo tutti a rendere la nostra città più bella e più vivibile: è questo l’invito dell’ di Carrara, che ha lanciato in questi giorni una campagna di comunicazione, dove sollecita tutti a collaborare per avere una città migliore.

simboli-raccolta-differenzi.jpg

Con il primo slogan “più pulizia, decoro, sicurezza, turismo, perché non partecipi anche tu?”, la campagna di sensibilizzazione, sta proseguendo con altri messaggi, che caratterizzeranno le varie fasi dell’iniziativa, contrassegnata dal logo “per il viso nuovo della città”. Dopo aver raccolto le sollecitazioni giunte dai cittadini e dopo aver effettuato un sondaggio tra la popolazione, è emerso fortemente il bisogno di risolvere il problema del degrado urbano: per questo l’Amministrazione ha attivato una serie di azioni, in collaborazione con l’Amia, impegnata in un progetto educativo nelle scuole e in una serie di incontri per coinvolgere le Associazioni di categoria.

Il Comune ha predisposto l’Ufficio Decoro Urbano (nell’ambito del Settore opere pubbliche), che avrà proprio il compito di realizzare un collegamento diretto con i cittadini, un “pronto intervento”, che in tempi rapidi valuterà la segnalazione ricevuta e provvederà ad attivare il personale per risolvere il disagio. La fase relazionale con i cittadini proseguirà con l’informazione successiva sulle iniziative assunte: a tal fine è stato predisposto un indirizzo e-mail decorourbano@comune.carrara.ms.it ed il numero verde 800604433.

Uno staff di funzionari avranno il compito specifico di recepire tutte le segnalazioni, sia da parte dei cittadini, che delle strutture interne (polizia municipale, circoscrizioni, ecc,), segnalazioni che dovranno riguardare situazioni di degrado del decoro urbano, quindi non solo, per intenderci, la buca nella strada, ma soprattutto interventi atti migliorare l’immagine della città, al fine di favorire situazioni di socializzazione e la crescita della qualità della vita, ad esempio recuperando una piazza o una fontana. La cura per gli spazi pubblici è un messaggio culturale importante, soprattutto in un territorio dove è forte la vocazione turistica.
Per riuscire ad evadere al meglio le richieste, verranno suddivise varie zone di criticità per programmare in tempi rapidi i provvedimenti adeguati: gli uffici tecnici tengono costantemente monitorata la situazione, ma l’Amministrazione Comunale intende adesso coinvolgere direttamente i cittadini per confrontare i reali bisogni del territorio e le priorità segnalate. E’ importante, dunque, partire da subito in modo da diffondere capillarmente l’informazione tra la cittadinanza, per avere riscontro immediato sull’efficienza ed efficacia del sistema adottato e quindi procedere con gli interventi.

Ma come funzionerà nel concreto il nuovo servizio?
La prima fase di azione avrà il compito di costituire una fotografia delle esigenze reali della popolazione, per eliminare i disagi più accessibili: verrà, quindi, innanzitutto riorganizzato ed integrato l’archivio delle segnalazioni, corredato da schede sintetiche per individuare e classificare le varie situazioni: seguirà poi una valutazione in termini economici dell’impegno di spesa che dovrà essere assunto. La terza fase sarà, pertanto, dedicata al reperimento dei necessari ed, infine, all’esecuzione delle opere.
Verrà, inoltre, potenziato l’aspetto riservato al controllo, conservazione e ripristino degli elementi costitutivi dell’arredo urbano, con la conseguente progettazione e direzione dei lavori per la realizzazione di interventi mirati alla conservazione ed al ripristino dell’arredo urbano, per valorizzare situazioni di degrado, recuperando spazi urbani e arricchendoli con nuovi elementi di arredo. Gli interventi riguarderanno la riqualificazione di aree pubbliche, piazze, strade di competenza comunale, arredo urbano ( , raccoglitori per i rifiuti, gazebo, ecc.), la e straordinaria dei centri abitati per migliorare la qualità della vita dei residenti, ed ancora la manutenzione delle fontane, dei vecchi lavatori, la recinzione ed il riutilizzo di aree dismesse, l’eliminazione delle scritte dai muri, la manutenzione dei sottopassi. Verrà, inoltre, effettuata attività di controllo su manufatti di altri enti o società (cabine telefoniche, pensiline, ecc.), per sollecitare da parte loro eventuali interventi di ripristino o manutenzione. Il progetto prevede anche di arrivare alla redazione di un vero e proprio regolamento per l’arredo e decoro dell’ambiente urbano.
Si tratta certo di una sfida che riguarda tutti da vicino, dato che tutti siamo chiamati, e l’appello va soprattutto alle nuove generazioni, a contribuire alla salvaguardia del nostro territorio, ma l’Amministrazione è fiduciosa e sa che grande è il senso civico dei suoi cittadini e l’amore che tutti hanno per Carrara.