Connessioni autostradali, riqualificazione edilizia e politica della casa per il proprio territorio. La Liguria, si e’ posta questi obiettivi per mantenere fede al Piano territoriale regionale, previsto dalla legge regionale 36/1997.

mappa_liguria

Uno strumento, come rileva il Rapporto del territorio 2007  , elaborato dall’Istituto nazionale urbanistico (   ), a cui si affianca il Piano territoriale di coordinamento paesistico (PTCP), approvato nel 1990 e preposto a governare sotto il profilo paesistico le trasformazioni del territorio ligure. Un PTCP attualmente in corso di aggiornamento, contestualmente alla formazione del piano territoriale regionale.
Ne costituiscono oggetto della disciplina tre parti tra loro coordinate: la normativa urbanistico-edilizia, quella relativa alla vegetazione e quella che tratta gli aspetti dell’idrografia e della geomorfologia. Tra le opere previste, spicca l’approvazione dalla Giunta regionale di un nuovo bando per il finanziamento della redazione dei Progetti Colore, finalizzati a ottenere, attraverso la cromatica, la riqualificazione edilizia e ambientale degli spazi pubblici con specifico riferimento ai prospetti degli edifici e degli altri manufatti edilizi.
Con questo bando, la Regione Liguria intende supportare la valorizzazione delle peculiarita’ delle caratteristiche architettoniche e ambientali dell’entroterra ligure, e delle storico-culturali dei tessuti urbani presenti nei centri storici di ambito vallivo, appenninico o montano.
Un processo di pianificazione strategica e’ stato avviato dalla Provincia di Savona per dare attuazione al Ptc, lungo l’asse della Val Bormida, tra Albenga e l’alessandrino. L’obiettivo e’ integrare in una rete infrastrutturale (nuova autostrada), ambientale e turistica aree oggi frammentate.
Il piano strategico per la costruzione della Citta’ delle Bormide coinvolge i territori del savonese e della Val Bormida che condividono da sempre un percorso comune di sviluppo, di rapporti e di relazioni, reso solido nel tempo anche per la vocazione del sistema delle Bormide come fondamentale punto di passaggio verso il Nordovest e l’Europa.
Il PTC La Spezia , propone invece una riflessione di carattere storico sulla modificazione, nel tempo,  dell’ambito considerato rispetto al contesto interregionale; la descrizione e l’interpretazione dei nuovi fenomeni territoriali manifestatisi in negli ultimi decenni.
Infine, a livello regionale, la Liguria ha avviato tramite un avviso pubblico il ”Programma regionale per il Social housing”, attraverso il quale le amministrazioni comunali ad alta problematicita’ abitativa sono state invitate, da sole o in funzione del bacino di utenza di appartenenza, a definire in forma coerente e di medio periodo una politica della casa per il proprio territorio. La ricettivita’ diffusa e’ articolata in due tipologie contraddistinte da unita’ abitative localizzate nello stesso centro storico o nelle sue immediate vicinanze e da unita’ abitative localizzate in piu’ borghi, nuclei o edifici singoli dello stesso comune ovvero in piu’ comuni.

Fonte:Demanio.re