Un nome un programma. Si chiama Centanni, è lo sgabello, (ma all’occorrenza può essere anche un coffee table o una piccola scala) disegnato da James Irvine e prodotto ora da Discipline. Questo oggetto semplice e pratico ha vinto il premio EcoDesign 2012 alla fiera Habitare a Helsinki che chiedeva ai partecipanti di disegnare un prodotto realizzato almeno all’80% in . Ma Centanni è fatto completamente in , nel senso che non ha né un chiodo né una goccia di colla.Il legno utilizzato è il larice, perché è comune tra le foreste di origine certificata FCS, ma anche perché è il materiale usato per realizzare le saune finlandesi, ambiente per cui era stato inizialmente immaginato.

La forma a I (larga 40 cm e alto 38cm) da grande stabilità alla seduta e offre anche una comoda presa per spostarla. I tre elementi che compongono Centanni sono connessi tra loro grazie a un giunto detto fox tail (letteralmente ‘coda di volpe’), un metodo tradizionale usato soprattutto per unire la testa del martello al suo manico. Con Discipline, azienda attenta alla semplicità, resistenza e funzionalità dell’, si è trovata la perfetta alchimia tra designer e produzione.

Il nome di questo sgabello si riferisce alla sua longevità. Concetto a cui il designer londinese (ma da anni stabilito a Milano) tiene particolarmente come alla sostenibilità ecologica di quello che compriamo.  “La durabilità non significa necessariamente che un oggetto costi di più” sottolinea Irvine “ma se spendi un po’ di più per un prodotto lo rispetterai di più. La cultura delle cose da pochi soldi è davvero un disastro ecologico.”

 

Fonte: blog.atcasa.corriere.it