condominio

La Riforma Condominiale

Varata la Riforma del Condominio: Con 332 voti a favore, 1 contrario e 3 astensioni, la Camera dei deputati ha approvato la riforma delle regole del codice civile sul condominio, modificando il testo approvato a palazzo Madama. Con 332 voti a favore, 1 contrario e 3 astensioni, la Camera dei Deputati ha approvato la riforma delle regole del codice civile sul condominio, modificando il testo approvato a palazzo Madama. La riforma bipartisan torna, dunque, ora al Senato per l’approvazione definitiva. Le principali novità del testo che, tra l’altro, liberalizza la presenza degli animali, sono tutte cose che interessano milioni di cittadini che condividono un tetto nei condomini di tutta l’Italia.

L’osservatorio degli elettrodomestici

Quali sono gli elettrodomestici che più incidono sulla bolletta? Il nuovo osservatorio di SosTariffe.it ha indagato sul consumo di elettricità e sulla relativa spesa derivata dall’utilizzo in casa dei principali elettrodomestici, prendendo come riferimento il periodo di Agosto 2012. Condizionatore, congelatore e illuminazione si confermano come i sistemi elettrici che maggiormente pesano sulle tasche degli italiani. In base ai profili elaborati nell’osservatorio, infatti, gli elettrodomestici per il raffreddamento e le lampade alogene coprono complessivamente dal 56,49% al 66,74% dei consumi.

Addetti alle pulizie vivevano gratis in un condominio

Erano assunti come addetti alle pulizie e come ”benefit” vivevano gratis negli appartamenti del condominio in cui lavoravano senza pagare riscaldamento e spese condominiali. Ma di quei ”compensi in natura” di custodi di fatto, il Fisco non ne sapeva nulla: la Guardia di Finanza ha scoperto 23 amministrazioni condominiali del torinese che non dichiaravano al fisco parte dei compensi corrisposti ai propri dipendenti.

Aliquota Iva casa e condominio

L’Iva con aliquota agevolata al 10% trova applicazione ai lavori di recupero del patrimonio edilizio realizzati su fabbricati residenziali.

Modena, in un condominio acqua privata

“Nel giro di un mese nascerà la prima Casa dell’acqua privata, realizzata totalmente su iniziativa di un condominio composto da 75 famiglie.

Liti condominiali: il 20 marzo scatterà l’obbligo del tentativo di conciliazione

Liti condominiali: a pochi giorni dalla data di attivazione, fissata per il 20 marzo prossimo, pur la grande diffusione da parte dei mezzi di comunicazione, la notizia sembra non stimolare più di tanto gli italiani. Eppure, l’argomento è dei più controversi: le liti condominiali, di cui si è occupato il decreto legislativo 4 marzo 2010, nr. 28, recante Attuazione dell’articolo 60 della legge 18 giugno 2009, n.69, in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali (articolo 5, comma 1) e dal decreto ministeriale 180.

36% sulle parti condominiali

La detrazione IRPEF del 36% delle spese sostenute si applica  per interventi edilizi di restauro e risanamento conservativo e di manutenzione ordinaria, straordinaria ed edilizia, di cui alle lettere da a) a d) dell’art. 31 della  L. 457/1978 realizzati su tutte le parti comuni del condominio, come definite all’art. 1117, nn. 1, 2 e 3 del codice civile.

Questo è stato il parere dell’Agenzia delle Entrate espresso con Risoluzione n. 7/E del 12/02/2010 fornito in risposta ad istanza presentata dalla ANACI, Associazione Nazionale Amministratori Condominiali Immobiliari. In considerazione dell’orientamento espresso con il documento in commento, è da ritenersi superato quanto espresso in argomento dalla citata Risoluzione 84/2007.

A nord Condomini più litigiosi che a sud

Italia divisa in due nelle liti di condominio. Lo rivelano i dati raccolti dall’Anammi (Associazione nazional-europea degli amministratori d’immobili) che inquadrano il 45% delle dispute a Nord del Paese, contro il 30% del Centro e il 25 del Sud.

condominio
Nella classifica delle singole aree geografiche il primo posto spetta al Veneto, che ospita il 12% delle liti di condominio del Nord-Italia, seguito da Lombardia (9%), Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia (entrambe 7%).

Il rifacimento della centrale termica costituisce atto di Straordinaria Manutenzione

Cassazione, Sez. II,Sentenza n. 27287 del 14 novembre 2008
L’avvenuta sostituzione della caldaia per vetustà e lo spostamento della centrale per adeguarla alle nuove normative antincendio costituiscono atto di straordinaria manutenzione,

caldaia2

in quanto diretto semplicemente a ripristinare la funzionalità dell’impianto e non a creare una modificazione sostanziale o funzionale della cosa comune.

Delibera annullabile se l’amministratore nega i documenti

Corte di Cassazione, Sentenza n. 12650/2008
La delibera assembleare può essere annullata se prima dell’Assemblea l’Amministratore si rifiuta di far vedere i documenti ad uno dei condomini impedendogli di estrarne copia integrale.

Lo ha stabilito la Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione annullando con rinvio una sentenza della Corte di Appello di Genova che aveva stabilito che l’impossibilità per i condomini di prendere visione dei documenti non incideva sulla validità della delibera assembleare. Questi i fatti.