ici

Detrazioni immobili non agibili

La detrazione fiscale del 55% per gli interventi di risparmio energetico può essere riconosciuta ai contribuenti che ristrutturano un immobile dichiarato inagibile, a condizione che lo stesso sia regolarmente accatastato e sia dotato di un impianto di riscaldamento. Tale impianto può essere costituito anche da focolari e stufe (fissi) la cui potenza nominale raggiunga almeno 15kW.

lente3
Queste, in sintesi, le affermazioni dell’Agenzia delle Entrate contenute nella Risoluzione n. 215/E del 12 agosto 2009. La Risoluzione contiene la risposta ad un interpello presentato da un contribuente proprietario di un immobile dichiarato inagibile a seguito del sisma del 1997. L’immobile in questione è regolarmente accatastato, classificato come “unità collabente”, in regola con i pagamenti ICI (fino alla dichiarazione di inagibilità) e riscaldato mediante stufe e focolari di potenza nominale superiore a 15kW.

Aliquota agevolata per l’abitazione principale anche nel caso di due unità immobiliari

Corte di Cassazione, Sentenza n.25902, 29 ottobre 2008
L’aliquota Ici agevolata per l’abitazione principale si applica anche nel caso di due unità immobiliari distintamente accatastate, comunicanti, di proprietà di due coniugi al 50%, destinate a dimora abituale di entrambi.

Il Comune aveva notificato un avviso di liquidazione dell’imposta con il quale pretendeva il pagamento con l’aliquota ordinaria su una delle due unità immobiliari, sulla base della Risoluzione n.6/02 del Dipartimento per le politiche fiscali che sancisce che l’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale deve essere una sola.

Il fabbricato inagibile sconta l’Ici al 50%

La normativa Ici prevede che l’imposta sia ridotta del 50 per cento per i fabbricati inagibili o inabitabili e difatto non utilizzabili, limitatamente al periodo dell’anno durante il quale sussistono tali condizioni.

logo_ici1.jpg

L’inagibilità o inabitabilità deve essere accertata dall’ufficio tecnico comunale con perizia a carico  del proprietario, che deve allegare idonea documentazione alla dichiarazione. In alternativa il contribuente può presentare una dichiarazione sostitutiva.

Imposta Comunale sugli Immobili: rese note le aliquote 2008

L’Amministrazione Comunale di Carrara ha comunicato gli importi per l’anno 2008 relativi all’ I.C.I., Imposta Comunale sugli Immobili. Resta invariata, rispetto allo scorso anno, l’aliquota del 7 per mille per tutte le unità immobiliari, diverse dalle varie tipologie previste dal regolamento, tra cui quelle adibite ad abitazione principale che hanno un aliquota pari al 6,50 per mille.

logo_ici.jpg

L’imposta, annuale, è dovuta proporzionalmente ai mesi dell’anno solare durante i quali si è protratta la titolarità dei diritti reali, di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie, della qualità di locatario finanziario o di concessionario di aree demaniali.

Pubblicate le statistiche catastali

Da oggi è disponibile sul sito internet dell’Agenzia del Territorio (www.agenziaterritorio.gov.it) la prima pubblicazione delle Statistiche catastali. 

agenzia_territorio1.jpg

L’Agenzia del Territorio con questa pubblicazione intende fornire annualmente alle altre istituzioni, agli operatori ed ai cittadini in genere i principali dati contenuti negli archivi catastali, in particolare del Catasto urbano, per favorire il processo di crescita delle conoscenze e delle informazioni inerenti il settore immobiliare volto ad una maggiore trasparenza del mercato immobiliare ed, in generale, ad una maggiore conoscenza del nostro Paese sotto il profilo economico e sociale.

Guida agli sconti e alle novità 2008 per la casa

Vi volevo segnalare un’importante iniziativa del Sole 24 Ore che pubblica lunedì un Dossier dedicato interamente alle novità sulla casa dopo la manovra 2008, in “tandem” con il filo diretto via Internet dove gli esperti rispondono alle domande dei lettori. 

progetto-casa.jpg

Ici, affitti, mutui, sconti per le ristrutturazioni e per il risparmio energetico, obblighi catastali e controlli fiscali.